In tendenza

A Canicattini 36 positivi, ancora troppi: il sindaco proroga le restrizioni fino a domenica

Chiuse scuole, aree pubbliche, uffici comunali e mercato, vietata la consumazione di cibi e bevande negli spazi aperti

Sono ancora alti i numeri dei contagi Covid-19 a Canicattini Bagni (oggi 36 positivi e 27 in isolamento) e il sindaco di Canicattini Bagni, Marilena Miceli, al fine di arginarne l’aumento, considerata anche la giornata festiva di oggi mercoledì 2 giugno, festa della Repubblica, si è vista costretta, in proseguo dei precedenti, a un’ulteriore proroga dei provvedimenti restrittivi di chiusura, fino a domenica 6 giugno compreso, di tutte le scuole di ogni ordine e grado in presenza, le aree pubbliche, degli uffici comunali al pubblico e del mercato settimanale di venerdì 4, oltre al divieto di consumazione di cibi e bevande negli spazi aperti.

Il sindaco con ordinanza ha pertanto disposto la sospensione delle attività didattiche e amministrative in presenza in tutte le scuole di ogni ordine e grado;  il divieto di stazionamento e di assembramento nelle aree e piazze pubbliche, permettendo solo il transito al fine di raggiungere le abitazioni private e gli esercizi commerciali, avendo cura di rispettare il distanziamento interpersonale e l’utilizzo dei dispositivi di sicurezza personali;  il divieto assoluto di consumare cibi e bevande nelle suddette aree e in tutto il territorio comunale, consentendolo solo nei pubblici locali nel rispetto delle normative in atto vigenti; la chiusura del mercato settimanale per la giornata di venerdì 4 giugno; la chiusura al pubblico degli uffici comunali, garantendo solo i servizi essenziali al cittadino.

I trasgressori saranno sanzionati ai sensi delle normative vigenti in materia.

L’invito, rivolto da tutta l’amministrazione comunale ai cittadini, è sempre di tenere alta la guardia della prevenzione con comportamenti responsabili per avviare in sicurezza il percorso di “ripartenza” delle attività e dei rapporti di socialità, continuare ad aderire alla campagna vaccinale, sperando in un maggior numero di vaccini messi a disposizione del centro vaccinale di via Umberto (Guardia medica) e rispettare le misure di prevenzione: uso della mascherina; continua igienizzazione delle mani; mantenimento della distanza interpersonale; divieto assoluto di assembramenti; divieto di incontrare parenti e amici in quarantena.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo