In tendenza

A Floridia “U Carusu” ce l’ha fatta, sfida tra due settimane contro il veterano del palazzo municipale

Per Carianni una vittoria più dolce alla luce dei numerosi attacchi e delle dure critiche che gli sono state rivolte da quasi tutti i suoi “rivali”, Burgio si complimenta con la propria squadra

È stato un pomeriggio palpitante quello di ieri, come lo ha definito Salvo Burgio alla fine dello spoglio che lo ha visto raggiungere il secondo posto e accedere quindi al ballottaggio contro Marco Carianni.

“U Carusu” alla fine ce l’ha fatta, confermando i pronostici che sin dall’inizio, ancora prima del covid, quando si faceva campagna elettorale per andare alle urne a maggio, lo davano per vincente. Carianni arriva al secondo turno con 3mila 41 voti, pari al 26,01% di preferenze, dopo ore di spoglio che lo hanno visto sempre avanti di circa 500 voti rispetto al secondo. Una vittoria ancora più dolce alla luce dei numerosi attacchi e delle dure critiche che gli sono state rivolte da quasi tutti i suoi “rivali”.

I floridiani – commenta Carianni – hanno dimostrato di essere capaci di superare i pregiudizi e ascoltandoci sono stati messi nelle condizioni di farsi un’idea che poi li ha indotti a votare per noi”. Dal palco, dove è salito sempre senza esponenti politici di alcun partito, che pure lo hanno sostenuto da dietro le quinte, ha raccontato agli elettori il suo progetto per Floridia e la sua idea di futuro. “Abbiamo mantenuto un atteggiamento fedelmente autentico e che coincide con le scelte fatte sin dall’inizio – spiega -. Abbiamo preferito circondarci di persone e non di politici, perché crediamo che molti dei politici siracusani siano i responsabili dell’altissimo astensionismo che ha caratterizzato questa tornata elettorale. Il risultato che abbiamo ottenuto è il prodotto di un lavoro sinergico fatto con i candidati ma anche con i sostenitori e con quanti si sono identificati nel nostro progetto di cambiamento e rinnovamento della classe politica floridiana – conclude –. Un risultato molto importante che ci autorizza a dire che siamo nella strada giusta”.

Contro di lui, fra due settimane, un veterano del palazzo municipale, il commercialista Salvo Burgio che ha dalla sua anni di esperienza amministrativa, oltre che professionale, e vanta una squadra che gli ha consentito di guadagnare, con 2mila 122 voti (18,15% di preferenze) il secondo posto dopo il testa a testa con Claudia Faraci e Cristian Fontana.

“La differenza l’ha fatta la squadra che ho avuto attorno a me – sottolinea Burgio –, rispetto agli altri due candidati a cui riconosco l’onore delle armi, avendo avuto entrambi un grosso successo personale. Domani è un altro giorno, analizzeremo i voti dei candidati al Consiglio e valuteremo come muoverci per il secondo turno anche se è ancora presto per parlare di apparentamenti. Comunque, così come abbiamo fatto in questi mesi, decideremo tutti insieme come una squadra”.

Una corsa importante quella a cui si appresta Burgio, che chiuderà una parentesi politica negativa per la città, culminata con la bassa affluenza alle urne da parte dei floridiani. “Un’affluenza mai così bassa a Floridia per le amministrative – commenta Burgio – che mostra come la gente non abbia più voglia di ascoltare diatribe né sentir di lotte. Essere al ballottaggio con oltre 2mila voti nonostante il calo di affluenza vuol dire che i floridiani hanno voluto credere nel mio progetto per la città”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo