In tendenza

A Priolo il Comune istituisce uno sportello legale per chi non può permettersi l’avvocato

L’amministrazione comunale ha deciso di aiutare i concittadini in difficoltà economica ad affrontare questioni personali di carattere legale per capire quale strada intraprendere

Hai un problema legale e non hai soldi per permetterti l’avvocato? Il Comune di Priolo ha quello che fa per te. No, non è pubblicità progresso, ma un breve slogan ironico per presentare quella che appare una novità assoluta: uno sportello di prima consulenza legale gratuita extragiudiziale rivolta ai priolesi. L’amministrazione comunale ha deciso di aiutare i concittadini in difficoltà economica ad affrontare questioni personali di carattere legale per capire quale strada intraprendere.

Il sindaco Pippo Gianni con la propria Giunta ha quindi approvato il progetto presentato dagli avvocati Marzia Scalora e Manuela Mannisi (fanno parte dello studio legale con Pierfrancesco Rizza, Giuseppe D’Agata e Rossella Licciardello) impegnando 34 mila euro per un anno. L’obiettivo è quello di istituire lo sportello gratuito in grado di fornire informazioni sugli adempimenti per instaurare una causa, sugli strumenti alternativi alla soluzione delle controversie, sui costi e i tempi della giustizia, sulla difesa d’ufficio e il patrocinio a spese dello Stato su problematiche esterne alle competenze comunali.

I due avvocati supporteranno gli operatori del servizio sociale su questioni inerenti i minori e potranno orientare i cittadini sul diritto di famiglia, alla salute, allo studio, tributario e sul reddito di cittadinanza. Per correttezza, nella convenzione è specificato che i due avvocati non dovranno indicare nomi che possano assumere l’incarico per cui sono fornite informazioni e orientamento né assumere incarichi.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo