In tendenza

A Priolo “Sport per tutti”: un contributo per le famiglie in condizioni di disagio economico

Il contributo di 30 euro mensili sarà erogato fino ad un massimo di 8 mensilità e potrà essere richiesto dalle famiglie la cui attestazione Isee non sia superiore al minimo vitale, residenti a Priolo da almeno un anno

Potranno essere presentate fino al 12 novembre le istanze per richiedere un beneficio che consentirà alle famiglie che versano in condizioni di disagio economico, di far frequentare corsi o attività ai figli di età compresa tra i 4 e i 18 anni non compiuti, nell’anno sportivo 2021/2022.

“D’intesa con il sindaco Gianni – fa sapere l’assessore alle Politiche Sociali, Diego Giarratana – abbiamo deciso di incrementare il contributo, che passa dai 25 euro dello scorso anno ai 30 euro mensili di quest’anno. Lo sport è fondamentale nella crescita dei bambini, a livello fisico e psicologico. L’impegno richiesto dall’attività sportiva ha inoltre un ruolo importante nel tenere lontani bimbi e adolescenti da tutte quelle situazioni rischiose che possono  verificarsi facilmente alla loro età”.

“Considero questa mia iniziativa “Sport per Tutti” – afferma il presidente del Consiglio comunale, Alessandro Biamonte – una delle più importanti per la vita dei nostri ragazzi. L’importanza dello sport, la bellezza di poter dare una mano di aiuto, di poter essere utile e di non lasciare indietro nessuno. L’iniziativa, già inserita nel programma elettorale di Prospettiva Priolo Gargallo è diventata una realtà che si ripete ogni anno. Un valido strumento di aiuto economico che concede l’accesso gratuito allo sport per le famiglie svantaggiate: un modello di intervento sportivo e sociale, che mira ad abbattere le barriere economiche e afferma concretamente il principio del diritto allo sport per tutti, fornendo un servizio alla comunità. Questa iniziativa troverà la sua completezza quando saranno consegnate le strutture sportive ai nostri cittadini, privati ormai da troppo tempo di un bene prezioso per la vita.  Lo sport non è di pochi ma di tutti”.

Il contributo di 30 euro mensili sarà erogato fino ad un massimo di 8 mensilità e potrà essere richiesto dalle famiglie la cui attestazione Isee non sia superiore al minimo vitale, residenti a Priolo da almeno un anno.

“Ogni bambino – commenta il sindaco Pippo Gianni – ha diritto allo svago, al tempo libero e alla pratica di uno sport, che non è solo occasione di divertimento e socializzazione, ma è una vera scuola di vita, che insegna valori come il rispetto delle regole e degli altri ed è fondamentale nel prevenire malattie quali l’obesità e i rischi legati ad una vita sedentaria”.

L’avviso sarà pubblicato domani sul sito del Comune di Priolo Gargallo insieme al modulo per presentare domanda, reperibile anche all’ufficio Politiche Sociali.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo