In tendenza

A Priolo una panchina commemorativa intitolata alla giovane istriana Norma Cossetto

Torturata, seviziata e infoibata nel 1943 dai miliziani del maresciallo Tito

Si è tenuta ieri mattina a San Focá, a Priolo Gargallo, la presentazione di una panchina commemorativa intitolata alla giovane istriana Norma Cossetto, torturata, seviziata e infoibata nel 1943 dai miliziani del maresciallo Tito, assieme a migliaia di persone per l’unica colpa di essere italiani.

La presentazione si è svolta all’interno di un evento organizzato dal comune di Priolo Gargallo e che ha visto la presenza e la partecipazione di centinaia di bambini con le rispettive scuole e associazioni sportive. L’intitolazione del sito è stato voluto e promosso dal Comitato 10 Febbraio, associazione sempre attenta sul territorio nazionale affinché i martiri delle foibe vengano ricordati.

“Come portavoce del comitato 10 Febbraio – dice Fabio Camilli – Ringrazio l’amministrazione e cittadini, eredi e custodi del patrimonio culturale di Tommaso Gargallo a per avere concesso questo emozionante e significativo momento di memoria. Priolo Gargallo è la prima e unica comunità della provincia siracusana ad avere un sito dedicato a Norma Cossetto, con l’auspicio che altri comuni possano tenere viva la memoria attraverso le nostre proposte”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni