In tendenza

A Siracusa arriva la tricopigmentazione, la soluzione definitiva al problema della calvizie

L'applicazione è principalmente usata per coprire i segni della calvizie, i diradamenti più o meno estesi, le chiazze provocate dall'alopecia e le cicatrici post trapianto o traumatiche

La tricopigmentazione è la soluzione definitiva per chi vuole risolvere una volta e per tutte il problema della calvizie. Si tratta di una tecnica innovativa che permette di mascherare la calvizie attraverso l’inoculazione di pigmenti anallergici e biocampatibili sul cuoio capelluto. La tricopigmentazione ricrea in maniera realistica e naturale la presenza dei capelli, ma al tempo stesso elimina gli svantaggi delle altre soluzioni più utilizzate quali: cosmetici per camouflage, fibre di cheratina, terapie farmacologiche, protesi, ma soprattutto gli effetti collaterali.

L’applicazione è principalmente usata per coprire i segni delle calvizie, i diradamenti più o meno estesi, le chiazze provocate dall’alopecia e le cicatrici post trapianto o traumatiche.

Il trattamento non va, però, confuso con il comune tatuaggio del corpo. Le differenze tra le due tecniche sono infatti radicali: la tricopigmentazione semipermanente introduce appositi pigmenti riassorbibili e reversibili, contrariamente al tatuaggio classico i cui pigmenti rimangono invece in modo permanente e definitivo. La metodologia è specifica e differente da quella di esecuzione di un tatuaggio; i pigmenti vengono introdotti in uno strato superficiale del derma a differenza del tatuaggio classico che li deposita più in profondità; la strumentazione utilizzata è completamente differente e studiata in modo specifico per lavorare sul cuoio capelluto.

Per eseguire il trattamento, avere più informazioni o prenotare una consulenza gratuita è possibile rivolgersi a Trisolution di Davide Tini in viale Teocrito, 59, a Siracusa.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo