fbpx

Coronavirus: online il modulo per chiedere la sospensione dei mutui

Partite iva, il bonus passa da 600 a 800 euro

Aggiornato al 14 Agosto: Giovane Donna Sub Deceduta Durante un’ Immersione

Comunicato Stampa del 14 Agosto della Capitaneria di Porto di Siracusa:

“Si ritiene doveroso fornire un aggiornamento sull’evento occorso nella mattinata di martedì 12 agosto u.s. nelle acque antistanti Capo Negro del Comune di Avola (Sr), dove è deceduta la donna impegnata in una immersione subacquea guidata.
Allo stato attuale sono in fase di accertamento le circostanze che hanno condotto alla morte della Sig. P.R., il cui corpo è stato sottoposto, nella giornata di ieri, all’esame autoptico al fine di poter stabilire le cause del decesso.
In attesa che vengano nominati i periti tecnici che procedano all’esame dell’attrezzatura utilizzata dalla Sig. P.R., personale della Guardia Costiera di Siracusa, su delega della Procura della Repubblica di Siracusa, sta conducendo le indagini di rito procedendo, in questa fase, all’acquisizione delle sommarie informazioni testimoniali dagli altri componenti del gruppo impegnato nell’immersione subacquea.”
 


Il cadavere di una giovane donna è stato recuperato nel primo pomeriggio di oggi dalla Capitaneria di Porto di Siracusa, nella zona di Capo Negro, tra Fontane Bianche ed Avola (indicata con lettera A nella mappa)

 

Alle ore 12.00 circa di oggi la sala operativa della Guardia Costiera di Siracusa ha ricevuto richiesta di soccorso da parte di un diving a seguito della mancata riemersione di una donna facente parte del gruppo che stava effettuando una immersione guidata nella zona di mare a circa un miglio da capo negro, comune di Avola (Sr).  Immediatamente sono stati attivati i soccorsi inviando in zona la dipendente motovedetta CP 832 mentre il battello veloce GCB 50 con a bordo il titolare del dipendente ufficio locale marittimo di portopalo e la motovedetta CP 2203 dirigevano in zona.

Contestualmente sono stati attivati i sommozzatori dei diving locali e dell’associazione “Nuova Acropoli”, e i sommozzatori specializzati dei Vigili del Fuoco di Catania, allo scopo di effettuare subito una ricognizione subacquea alla ricerca della malcapitata.

Nonostante gli immediati soccorsi, la dispersa P.R., di anni 34, residente a biella, e’ stata ritrovata su un fondale di circa 50 metri dai sommozzatori dei diving locali e poi portata in superficie apparentemente priva di vita.

Il corpo è stato esaminato dal medico legale – costatandone l’avvenuto decesso della vittima – e trasportato prima, a bordo della motovedetta, nella sede dei mezzi nautici della Capitaneria di Porto di Siracusa e poi all’obitorio dell’ospedale Umberto I di Siracusa.

Il Magistrato di turno ha disposto l’esame autoptico del cadavere per stabilire le cause del decesso. L’attrezzatura utilizzata per l’immersione guidata è stata posta sotto sequestro probatorio e messa a disposizione dell’autorità’ giudiziaria per indagare sulle cause o concause che hanno determinato la morte e l’accertamento di eventuali responsabilità per l’evento.

Con l’occasione, si raccomanda agli utenti del mare che amano immergersi in profondità e agli organizzatori di tali attività di seguire scrupolosamente le regole d’immersione, non tralasciando di curare ogni norma comportamentale, allo scopo di tutelare la propria incolumità durante lo svolgimento delle attività subacquee.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo