Al via la due giorni dedicata a Joseph Beuys. Granata: “la sua rigenerazione ambientale e Siracusa”

“Difesa della Natura di Beuys” è l’ultima operazione avvenuta in Italia, esattamente a Bolognano negli ultimi 15 anni della vita di Beuys; e successivamente diffusa dallo stesso Maestro in molti paesi del mondo

L’assessore alla Cultura, Fabio Granata, ha aperto oggi al Salone Borsellino la due giorni “Joseph Beuys.In difesa della natura”, dedicata all’artista tedesco in occasione della presentazione del libro di Lucrezia De Domizio Durini a lui dedicato.

L’evento culturale, promosso da Fabbrika Off e Viglienasei Art Gallery, è stato introdotto da Marilena Vita: punta alla diffusione del pensiero e dell’opera del maestro tedesco Joseph Beuys, uno tra i più emblematici e significativi personaggi dell’arte mondiale del secondo dopoguerra.

“Difesa della Natura di Beuys” è l’ultima operazione avvenuta in Italia, esattamente a Bolognano negli ultimi 15 anni della vita di Beuys; e successivamente diffusa dallo stesso Maestro in molti paesi del mondo con la diretta collaborazione di Lucrezia De Domizio di Buby Durini.

“La Difesa della Natura di Beuys – ha detto tra l’altro l’autrice – non va intesa solamente sotto l’aspetto ecologico, ma principalmente va letta in senso antropologico: difesa dell’Uomo, dell’Individuo, della Creatività, dei Valori umani. Temi oggi più che mai attuali su tutto il pianeta. Con questo evento si tenta di far comprendere i concetti fondamentali del Maestro tedesco, quali il rispetto della “Madre Natura” e la “Unità nelle Diversità”. Joseph Beuys non ha creato alcun metodo, ma ha lavorato generosamente per l’intera sua vita per il miglioramento dei metodi esistenti nella società”.

Siamo onorati di ospitare nella nostra città un prestigioso evento sul pensiero e l’opera di Joseph Beuys, artista di fama internazionale che oltrepassando i limiti temporali della sua stessa esistenza, è riuscito a trasformare un’azione ordinaria e spesso banalizzata, come quella di piantare alberi, in un grande rito collettivo capace di evocare i significati più profondi del rapporto fra l’uomo e la natura” – dichiara l’assessore alla Cultura, Fabio Granata – Beuys è ispiratore del movimento ambientalista tedesco e grande artista, non è un caso che sia ricordato nella nostra Città alle prese con una analoga necessità di rigenerazione ambientale che la renda coerente e all’altezza del suo enorme patrimonio culturale. Ringrazio Marilena Vita che ha reso possibile l’evento”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo