Amministrative a Pachino, solo 11 liste su 15 sopra il quorum. Ma non basta per un seggio in aula

In poche certe di un posto in Consiglio comunale. Gli apparentamenti (eventuali) per l'eventuale assegnazione, o meno, del premio di maggioranza

Contenuto Promozionale

Solo 11 liste su 15 hanno superato lo sbarramento del 5% dei voti validi, il famoso quorum che permette, o meno, di partecipare alla distribuzione dei 15 seggi in consiglio comunale. Ma non basta, attenzione: l’applicazione del tanto a noi caro metodo d’Hondt potrebbe portare, a calcoli più precisi completati, a importanti sorprese in base anche ad alcune variabili che dipenderanno da diversi fattori. Tra queste le possibile alleanze in vista del ballottaggio (gli apparentamenti) che potrebbero non solo modificare lo scacchiere in vista del secondo turno, ma portare anche al blocco del premio di maggioranza previsto per chi vincerà tra due settimane. Insomma, pallottoliere, calcolatrici e quozienti per adesso possono restare di lato sulla scrivania.

Al momento bisogna farsi bastare i primi numeri che arrivano dal sito della Regione Siciliana. Che sono i dati sui voti di lista (non di preferenza ai candidati al consiglio comunale). Sono 11 su 15 quelle che hanno superato il quorum. Ce l’ha fatta l’unica lista a sostegno di Emiliano Ricupero, che ha totalizzato 532 voti arrivando al 5,03%.

Sono sopra il quorum tutte le 5 liste a sostegno di Barbara Fronterrè: Mpa Pachino (838, 7.92%); Dc Democrazia Cristiana (545, 5,15%), Pachino Democratica (1.011, 9.55%), Insieme in azione per Pachino (863, 8,15%), Pachino Crede (865, 8,17%).

Altre 3 liste sono quelle a sostegno di Sebastiano Fortunato. Fratelli d’Italia (1.096, 10,36%), Innovare per Crescere (646, 6,11%), Ora Pachino (660, 6,24%). Nulla da fare per Lega Salvini Premier (186, 1,76%).

Le ultime 2 liste sopra il quorum arrivano dalla coalizione di Peppe Gambuzza. E sono Rinascita di Pachino (885, 8,36%) e Forza Italia (1.672, 15,80%). Nulla da fare per Libertà (503, 4,75&) e Pachino Sì (83, 0,78%).

Nulla da fare nemmeno per la lista a supporti di Giordano Di Raimondo Metallo: 197 voti e 1,86%.

Difficile abbozzare una prima composizione del prossimo consiglio comunale, ma appare comunque più che certo che le liste che hanno ottenuto più voti saranno presenti a prescindere da apparentamenti e premi di maggioranza. Forza Italia, Fratelli d’Italia e Pachino Democratica non dovrebbero avere problemi ad essere “già dentro”. Ottime possibilità per Pachino Crede, così come per Insieme in azione, Mpa e Rinascita di Pachino, ma tutto dipenderà dagli incastri futuri e dai premi di maggioranza. Incastri da cui dipendono anche i seggi per la Nuova Dc.

Più complicato per le altre tre liste che hanno superato il quorum, non avendo però un candidato arrivato al ballottaggio.

Ottavio Gintoli


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni