fbpx

Ancora in salita i contagi da Covid19 in provincia di Siracusa: oggi +7

Proprio perché i giovani al momento sono i più colpiti dal virus, si sta cercando di mettere una "pezza" evitando troppe feste e assembramenti

È di 89 attuali positivi il dato aggiornato all’11 di agosto che riguarda la Sicilia per i casi di coronavirus (ieri erano 32). Un dato che fa svettare l’isola in cima alle regioni italiane. A pesare enormemente, però, è il numero dei positivi di Pozzallo, con i 64 nuovi casi emersi oggi.  Sono 71 in tutto i migranti conteggiati negli 89.  È questo che emerge dal bollettino del ministero della Salute. Per quanto riguarda le province, 72 casi sono nel Ragusano, 5 nel Catanese, 5 nel Palermitano e 7 nel Siracusano.

I ricoverati con sintomi sono 44, in terapia intensiva restano 6 persone, il  totale degli ospedalizzati è di 50, 488 sono in isolamento domiciliare per un totale di 538 positivi. I dimessi/guariti sono 2.752, i deceduti, dall’inizio dell’epidemia, sono 284, i casi da sospetto diagnostico 2.927.

Ancora in salita quindi i contagi da Covid19 in provincia: una coppia di giovani di Pachino, un ragazzo e una ragazza, sono risultati positivi ai tamponi. A confermare la notizia l’Azienda sanitaria provinciale e la Commissione straordinaria che guida l’ente municipale. A Portopalo per un sospetto caso covid è stata imposta la chiusura degli uffici comunali. Così nel ponte di ferragosto il palazzo municipale rimarrà chiuso, se non per questioni urgenti di straordinaria importanza, per riaprire lunedì 17 agosto.

A Rosolini diventano 9 i casi positivi e sono perlopiù giovani. In tutti i casi si sta cercando di ricostruire la mappa dei contatti di chi è venuto a contatto con loro predisponendo l’isolamento fiduciario in attesa di tampone. Si trovato tutti in buone condizioni di salute e monitorati dall’Asp.

Ad Augusta salgono a 5 i casi di contagiati da Covid 19, uno di questi pare di rientro da una vacanza a Malta e il sindaco Cettina Di Pietro predica buon senso sostenendo una linea di estrema cautela e di rispetto per la propria salute e di quella degli altri: “nessuna giornata o serata di festa può giustificare il rischio di un pericolo così grande”.

Intanto a Canicattini gli 11 ragazzi positivi rientrati da Malta sono stati isolati e sottoposti a tampone, così come i loro familiari, hanno lanciato un appello ai propri concittadini invitando, quanti abbiano avuto contatti con essi o con i loro familiari, a mettersi in contatto con i medici del territorio e di sottoporsi, nei prossimi giorni, rivolgendosi ai due locali laboratori di analisi, a test sierologico. Le procedure di controllo sono scattate anche per tutti gli invitati, già identificati, delle festa di diciottesimo di compleanno che si è svolta venerdì sera in un locale di Palazzolo alla quale hanno partecipati alcuni dei ragazzi poi risultati positivi. Quasi tutti gli invitati sono stati messi in quarantena.

Proprio perché i giovani al momento sono i più colpiti dal virus, si sta cercando di mettere una “pezza” evitando troppe feste e assembramenti. Fino al 16 agosto, infatti, pub, bar, ristoranti e lidi dovranno “calare la saracinesca” alle 2 e, comunque, silenziare la musica a mezzanotte. La nuova ordinanza comune a tutti i sindaci-  decisione presa a seguito della riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica sulle misure di contenimento del contagio – prescrive il rispetto delle nuove disposizioni anticovid nazionali e regionale, come il divieto di assembramento, il distanziamento interpersonale di 1 metro, l’uso della mascherina secondo le disposizioni vigenti. Ma regolamenta anche la fruizione delle spiagge: saranno vietati l’accampamento e il bivacco ed è vietata ogni manifestazione, come dj set, trattenimenti danzanti, musica live.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo