fbpx

Test sierologici sugli anticorpi al covid: selezionati 10 Comuni della provincia di Siracusa

Arrivo di nuovi bus a Siracusa, l’assessore Fontana puntualizza: “mezzi in città da dicembre”

L'assessore comunale replica alle parole dell'onorevole Prestigiacomo, chiarendo che i 7 nuovi mezzi non potenzieranno il servizio ma serviranno solo per rinnovare il parco mezzi

Nessun potenziamento ma solo una “sostituzione” del parco mezzi Ast a Siracusa. Insomma, nemmeno il tempo di annunciare l’arrivo di nuovi mezzi che i bus dell’azienda siciliana trasporti diventano oggetto di una piccola diatriba politica. Da una parte l’onorevole Stefania Prestigiacomo che ha “festeggiato” l’arrivo dei nuovi mezzi in città e dall’altra l’assessore comunale alla Mobilità, Maura Fontana, che tiene a precisare come i mezzi siano al deposito da tempo e come – al netto di tutto – la città abbia bisogno di un altro tipo di svolta, più sostenibile, per quanto riguarda la mobilità.

Comprendo bene l’entusiasmo dell’ex ministro Prestigiacomo – dice la Fontana – che valuta come positivo il nuovo parco mezzi che Ast ha messo a disposizione della città in sostituzione di alcuni mezzi oramai obsoleti. È lo stesso entusiasmo con cui io stessa ne annunciai l’arrivo previsto per dicembre già nel mese di novembre scorso.”

L’assessore comunale, infatti, afferma come i bus siano a Siracusa già dal 15 dicembre circa ma non si sarebbe potuto procedere all’immatricolazione immediata, prima per problemi burocratici regionali poi per la sospensione dovuta al Covid.

Si erano già definite anche le linee che avrebbero visto la circolazione dei nuovi mezzi – precisa la Fontana – i quali sono dotati anche di pedana per disabili a chiamata. Era un entusiasmo pre-covid appunto. Pur valutando come positiva tale sostituzione dei mezzi, oggi, mentre siamo ancora in piena emergenza e cerchiamo di capire come affrontare la quotidianità una cosa ci è certamente chiara, ossia che una qualità di vita migliore passa anche per una scelta radicale verso la mobilità sostenibile e in particolare la mobilità dolce.”

E proprio per questo da tempo si sta pensando a una mini rivoluzione in città e nel centro storico con piste ciclabili e il potenziamento delle aree pedonali in Ortigia e nella zona Umbertina.

È per questo – conclude l’assessore – che ci stiamo adoperando per dotare la città di svariati chilometri di piste ciclabili urbane, in linea con i recenti provvedimenti del governo a sostegno di tale misure come i buoni per acquisto di biciclette e l’identificazione di percorsi ciclabili come attività emergenziali.”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo