fbpx

Calcio: Il Siracusa Vola Di Prepotenza Con Un Poker Al Vittoria

GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA DELLA PARTITA MINUTO PER MINUTO

Cosa, Catania e un doppio Sarli firmano la prima vittoria-

Buona la prima! Non poteva esserci esordio migliore per gli azzurri, che ad inizio ripresa chiudono la pratica Vittoria. Nemmeno le modeste condizioni del terreno di gioco, e il forte caldo che ha “colpito” per l’intera giornata la città, sono riusciti a fermare il nuovo Siracusa, voglioso di ben figurare davanti al proprio pubblico.

Auteri, squalificato, cambia modulo rispetto al solito, e presenta quattro uomini in difesa (Accaputo, Occhipinti, Ginobili e Strigari), tre a centrocampo (Berti, Mariniello e Giurdanella), e tre in attacco (Sarli, Cosa e Catania). In porta lo juniores Fornoni (oggi inoperoso).

Carbonaro (mister del Vittoria) schiera cinque under: due i novanta, il portiere Cavone, (risultato poi, nonostante il passivo, il migliore dei suoi) e l’esterno Guastella. A completare l’undici sceso in campo al De Simone, due ex azzurri (Baratto e Marchese) e altri giocatori di lungo corso, con esperienze sia in D che in categorie superiori, come Tasca e Comandatore.

Gli azzurri, sin dall’inizio, mostrano tutte le proprie intenzioni, e in una delle prime azioni offensive, passano: Giurdanella (ottima prova la sua) entra in area e trova Sarli che, magistralmente, pesca Cosa che di testa insacca in rete. Primo boato, prima esultanza della stagione. Pochi istanti dopo, lo stesso Cosa, fa tutto da solo, si libera di due avversari, ma una volta a tu per tu con il portiere ospite, forse tradito dal terreno, calcia a lato. Il Siracusa, continua a spingere: Giurdanella in mezza rovesciata non trova la porta, che invece, di tacco, scova Cosimo Sarli, ma il suo gol viene annullato per fuorigioco. Prima della fine della prima frazione di gara, Ciaramitaro ferma fallosamente, da ultimo uomo, Mariniello diretto verso l’area di rigore avversaria. Il sig. Ruggirello di Trapani, non può che espellere il centrocampista biancorosso.

Strada spianata dunque, per i padroni di casa, che nella ripresa, nei primi venticinque minuto realizzano, altri tre gol. E’ il momento di Sarli, che servito da Cosa, non deve far altro che appoggiare in rete. Passano pochi minuti, e gli azzurri si ripetono. Questa volta è Catania, a servire Sarli che sigla così la sua prima doppietta con la maglia del Siracusa. Non finisce qui, lo show continua. Manca un solo uomo del trio offensivo, a non essere ancora andato in gol: Gianluca Catania.

Al ’70 l’opera può considerarsi conclusa: è Giurdanella ad offrire a Catania, una palla d’oro, e l’ex Adrano, non fallisce: è 4-0! Partita abbondantemente conclusa. Il Vittoria, sembra aver avvertito più del dovuto il colpo iniziale, causato dal gol di Cosa che ha aperto le danze. Baratto e compagni non sono mai riusciti a rendersi pericolosi.
Da segnalare, nella ripresa, l’ingresso in campo di De Pascale, accompagnato dagli scroscianti applausi dell’intero stadio.

Domenica prossima, il Siracusa riposerà, mentre per il Vittoria, sarà ancora derby, contro il Modica, oggi bloccato in casa, sullo zero a zero, dal Castiglione.
 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo