In tendenza

Cavallaro (FdI): “Siracusa non è solo Ortigia. Si fanno multe a raffica solo ad agosto?”

"È giusto sanzionare chi non rispetta le regole del codice della strada, ma sarebbe più corretto farlo in tutta la città e per tutte le violazioni alle regole igieniche e del decoro urbano"

Riceviamo e pubblichiamo una nota dell’avvocato Paolo Cavallaro, presidente del circolo Aretusa di Fratelli d’Italia Siracusa, in merito alla Ztl di Ortigia:

“Molti saranno anche irrispettosi delle regole, ma tanti forse non le conoscono nemmeno. Vista la modifica della circolazione in entrata in Ortigia, avvenuta a “morte subitanea” nel pieno della stagione estiva, ci si aspettava maggiore indulgenza da parte dell’amministrazione comunale e maggiore e preventiva attività informativa con affissione di manifesti e tabelloni e spot televisivi. Ma l’occasione era ghiotta per fare cassa. Faremo istanza di accesso agli atti per sapere quante multe sono state elevate nelle altre parti della città e per quali violazioni.

Il centro storico di Ortigia è chiaramente importante punto di riferimento dei turisti e dei cittadini, ma la stessa intransigenza ci si aspettava nelle altre parti della città, dove posteggi in doppia fila, giovani a bordo di monopattini circolanti ad alta velocità e senza rispettare le regole specifiche per essi previste, ciclisti in controsenso sulle corsie ciclabili, automobilisti e motociclisti indisciplinati che arrogantemente scorrazzano ad alta velocità nelle strade urbane sono all’ordine del giorno.

Per non parlare della mancata repressione delle illegittime condotte dei cittadini che continuano a conferire i rifiuti fuori orario e fuori dai mastelli e di coloro che continuano ad evadere il pagamento del servizio Tari.

È giusto sanzionare chi non rispetta le regole del codice della strada, ma sarebbe più corretto farlo in tutta la città e per tutte le violazioni alle regole igieniche e del decoro urbano, per ripristinare in modo duraturo quelle del vivere civile in una città in cui ormai vige l’anarchia”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo