Nuovo cimitero di Siracusa, a 8 anni di distanza è tutto fermo. E Castagnino interroga l’amministrazione

A circa 8 anni di distanza del nuovo cimitero comunale non c'è nulla se non un progetto, un'area e l'ipotesi di costruzione attraverso un project financing... a meno che il Comune rispondendo a Castagnino non porti alla luce qualche novità

Che fine ha fatto il progetto del nuovo cimitero di Siracusa? A chiederselo e a chiederlo all’amministrazione comunale con un’apposita interrogazione a risposta scritta è il consigliere comunale Salvatore Castagnino.

Il consigliere di “Siracusa Protagonista” non usa certo toni pacati nei confronti dell’attuale amministrazione comunale, accusandola di non aver avviato a oggi alcun iter per la realizzazione dell’opera. Una storia intricata quella del nuovo cimitero comunale, la cui unica certezza è quella dell’area individuata: nei pressi della Maremonti, mezzo chilometro prima del sottopassaggio della Siracusa-Gela.

Recandomi negli uffici – racconta Castagnino -, al fine di verificare l’esistenza di eventuali sospensive per ricorsi o altro, è emerso che la nostra amministrazione vessa i cittadini con attenzione notarile ma non ha minimamente mai preso in mano il fascicolo riguardante la nuova struttura cimiteriale. Struttura che, a dispetto per esempio del canile municipale, ha un area individuata, un progetto depositato e quanto necessario per procedere a dare il via ai lavori. Chi amministra si difenderà dicendo “è un Project financing” ma questo non solleva l’amministrazione dal portare avanti l’opera che è stata affidata con avviso pubblico.”

Da qui l’interrogazione del consigliere di opposizione che chiede al Comune di relazionare sullo stato dell’iter, comunicando anche le motivazioni che hanno portato al ritardo per l’avvio dei lavori. Castagnino chiede inoltre di avere copia di tutto il carteggio documentale oltre a copia del contratto firmato tra le parti per l’individuazione di eventuali inadempienze del Comune o dell’azienda.

Una storia lunga quella del nuovo cimitero, che ha mosso i primi passi durante la sindacatura Visentin. Il progetto prevede la realizzazione di oltre 14mila loculi, ed un adeguato numero di ossarietti, con l’impegno a costruire nel primo anno di attività almeno 3mila loculi per rispondere alle esigenze più urgenti della città. Le opere di progetto prevedono inoltre la realizzazione di un edificio per i servizi generali, il forno crematorio, la chiesa, la porzione di cimitero per non cattolici, un’area per la sepoltura degli animali domestici nonché parcheggi per 720 auto e 15 per persone diversamente abili.

Ma oggi, a circa 8 anni di distanza del nuovo cimitero comunale non c’è nulla se non un progetto, un’area e l’ipotesi di costruzione attraverso un project financing… a meno che il Comune rispondendo a Castagnino non porti alla luce qualche novità.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo