In tendenza

“Cocciu D’Amuri” di Lello Analfino adesso si studia a scuola

Un progetto che punta a valorizzare le origini e quindi il dialetto della Sicilia

“Affaccia beddra e senti sta canzuni”, un brano che da adesso sarà studiato tra i banchi di scuola. È la meravigliosa Cocciu d’Amuri, colonna sonora del film “Andiamo a quel paese” di Ficarra e Picone e scritta da Lello Analfino, frontman della band dei Tinturia. Il pezzo è diventato oggetto di studio per gli alunni dell’istituto comprensivo “S. Alessandra” di Rosolini, in provincia di Siracusa. Un progetto della professoressa di lettere, Simona Bordonaro, che punta a valorizzare le origini e quindi il dialetto della Sicilia.

Il riferimento a Eneide di Virgilio
“Sangu miu!”, cioè mio sangue, è una delle affermazioni con cui, nella lingua siciliana, si esprime attaccamento ad una persona. Nell’Eneide di Virgilio un verso recita “O sanguis meus”, che letteralmente si traduce: “Oh mio sangue”. Questa locuzione rende il legame affettivo che proviene da un legame più intrinseco, profondo ed indissolubile: il legame di sangue. Ecco quindi da dove proviene la locuzione siciliana.

Il testo della canzone Cocciu d’amuri
Affaccia, beddra, e senti sta canzuni

La cantu sulu a tia, cocciu d’amuri

Lu sangu mi fa vuddriri nn’e vini

Si nun ti viu, mi veni di muriri

Affaccia, beddra, ca si tu a canzuni

E iu ca annanzi a vui scordu i duluri

Li peni sunnu duci

Si tu mi duni a paci

Iu vogliu stari sempri allatu ‘e tia

Vitti nell’occhi toi du stiddri

Ca lucinu mmezz’e capiddri

Fila di ferru e zuccaru

La facci, una bannera

Unni cci batti u suli, suli di primavera

Pi mia, tu si na ddia sicana

Ca quannu arridi, u tempu acchiana

Iu vegnu appressu a tia, sciuri di puisia

Ca fa puisiari u munnu sanu

Iu vegnu appressu a tia, sciuri di puisia

Ca fa puisiari u munnu sanu

 

Traduzione

Affacciati, bella, e senti questa canzone

La canto solo a te, bacca d’amore

Mi fai bollire il sangue nelle vene

Se non ti vedo, mi viene di morire

Affacciati, bella, che sei tu la canzone

E io dinanzi a voi dimentico i dolori

Le pene sono dolci

Se tu mi dai pace

Io voglio stare sempre accanto a te

Vidi due stelle nei tuoi occhi

Che luccicano in mezzo ai capelli

Fili di ferro e zucchero

La faccia, una bandiera

Dove batte il sole, sole di primavera

Per me, tu sei una dea sicana

Che quando ride, il tempo migliora

Io vado dietro a te, fiore di poesia

Che fa poetare il mondo intero

Io vado dietro a te, fiore di poesia

Che fa poetare il mondo intero


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni