In tendenza

Code per i tamponi a Siracusa. Cafeo: “responsabilità nell’organizzazione”

“Le code e il caos per i tamponi a Siracusa non dipendono solo dalla carenza di personale ma da una organizzazione superficiale”

“Le code e il caos per i tamponi a Siracusa non dipendono solo dalla carenza di personale ma da una organizzazione superficiale”. Lo afferma il deputato regionale della Lega, Giovanni Cafeo che, in merito ai disagi per l’utenza, costretta ad interminabili giornate in auto per essere sottoposta ai tamponi molecolari nell’area dell’ex Onp di Siracusa, individua delle responsabilità nella gestione del servizio, affidato al Dipartimento di prevenzione medico dell’Asp di Siracusa ed in particolare al Gruppo Covid preposto al tracciamento, agli isolamenti e ai tamponi di controllo.

“Del resto è ormai noto come il numero dei contagi dipenda dalla efficienza del contact tracing. E dunque, se lo scorso 3 gennaio Siracusa con un + 586 positivi è balzata al primo posto in Sicilia in proporzione agli abitanti, qualcosa nel gruppo di lavoro che si occupa dei tracciamenti non ha certo funzionato. E tuttavia ci sono delle circolari della Regione siciliana – dice il parlamentare regionale della Lega, Giovanni Cafeo – che, se applicate, avrebbero almeno il merito di alleggerire da un lato i disagi per i cittadini e dall’altro il lavoro del personale addetto all’esecuzione dei tamponi. Evidentemente non sono state recepite e questo non ha nulla a che fare con la penuria di personale. Peraltro ci risulta che la Direzione Generale della ASP abbia già provveduto ad assumere nuovo personale e lo abbia già messo a disposizione del Gruppo Covid. Ci sono dunque delle responsabilità organizzative precise da parte di chi è preposto a questo delicato compito, per cui occorre intervenire immediatamente. Tra le disposizioni previste nella circolare, c’è quella che dispone per le persone risultate positive ma vaccinate con la seconda dose da più di 4 mesi, l’isolamento per 10 giorni se asintomatici da almeno 3 giorni”.

Il parlamentare regionale della Lega, Giovanni Cafeo, evidenzia un’altra disposizione della circolare della Regione che contribuirebbe a sfoltire le code per i tamponi all’ex Onp di Siracusa.

“Prendiamo il caso di una persona – prosegue Cafeo – che entra in contatto con un positivo. Ci sono tre possibilità e tutte quante escludono il ricorso al tampone molecolare e dunque la corsa al centro dell’Asp per il test. Per chi è vaccinato con una dose e con due dosi da meno di 14 giorni, basta una quarantena di 10 giorni e poi un tampone rapido; per chi, invece, ha effettuato la doppia dose di vaccino da più di 120 giorni e chi è asintomatico con Green pass ancora valido, occorre una quarantena di 5 giorni e poi un tampone rapido. Per chi, infine, ha effettuato due o tre dosi da meno di 120 giorni se asintomatico c’è solo l’obbligo di usare la mascherina FFP2 per 10 giorni. Si tratta di disposizioni che se ben utilizzate, anche attraverso una buona comunicazione verso i cittadini, eliminerebbero molti disagi il gruppo Covid dell’Asp utilizzi meglio le risorse messe a disposizione dai vertici e dia ai medici di famiglia e ai pediatri i propri recapiti e le necessarie risposte riguardo a contact tracing, quarantene e tamponi dei propri assistiti. I medici di famiglia e i pediatri non si sono mai tirati indietro in questa pandemia basta solo metterli nella condizione di poter lavorare al meglio, fornendo loro quel supporto e quella collaborazione finora non avute dal Gruppo Covid, al contrario di altre settori di attività, come ad esempio quella dell’assistenza domiciliare e della campagna vaccinale, dove sono state sperimentate importanti sinergie e sono stati raggiunti apprezzabili risultati.”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo