In tendenza

Covid, anche a Priolo arrivano i tamponi drive in

Oggi allestite postazioni  in largo dell’Autonomia comunale

Allestite, dalla Protezione Civile, le postazioni per eseguire i tamponi gratuiti, con il metodo drive in, su base volontaria; 5 gazebo e una tenda, dove opereranno medici e infermieri. Sarà possibile effettuare i tamponi rapidi dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18, in largo dell’Autonomia comunale. I referti saranno consegnati dopo 15 minuti. In caso di positività è prevista l’esecuzione del tampone molecolare.

“Potrebbero esistere – ha affermato ieri il sindaco Pippo Gianni – positivi asintomatici che, non sapendo di aver contratto il virus, potrebbero andare in giro, contagiando altre persone. Invito tutti i cittadini ad un atto di consapevolezza e responsabilità, ad agire secondo coscienza, per circoscrivere i contagi. Dobbiamo tutelare la nostra salute e quella degli altri, in particolare delle fasce maggiormente a rischio. Anche le mamme – ha proseguito il primo cittadino – devono pensare a proteggere i propri figli e non devono avere timore nel portarli ad effettuare il tampone; sapremo così se all’interno degli edifici scolastici ci sono casi positivi e bloccheremo i contagi. Non abbiate paura di effettuare il tampone. Si tratta di un esame solo un po’ fastidioso, ma per nulla invasivo. La prevenzione – ha detto ancora il Sindaco Gianni – è l’unica cura possibile”.

“Il Piano di emergenza  – ha reso noto il dirigente di Protezione Civile, Gianni Attard – è così stabilito: dalla ex 114, precisamente dalla rotonda nei pressi dell’ex hotel Le Palme, le auto saliranno in via Fabrizi, per accedere a Largo dell’Autonomia Comunale. Il personale di Polizia Municipale e Protezione Civile indirizzerà le vetture verso il percorso prestabilito. Una volta effettuato il tampone, usciranno da via Platamoni, effettueranno il giro del quartiere e sosteranno in via Fabrizi, dove riceveranno il referto dell’esame, a cura della Protezione Civile e della Misericordia”.

“Un risultato – ha commentato il sindaco Pippo Gianni – davvero importante per il nostro paese, escluso in un primo momento dai tamponi drive in, poiché comune al di sotto dei 30 mila abitanti. Avevamo pensato di effettuare comunque i tamponi con fondi comunali, a tutela della salute della popolazione, ma grazie alle interlocuzioni e alle sollecitazioni esercitate nei confronti del Governo regionale e dell’Asp, siamo riusciti a raggiungere l’obiettivo, risparmiando 250 mila euro”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo