In tendenza

Covid in provincia di Siracusa, 13 nuovi casi nelle ultime 24 ore. Musumeci: “immunità di gregge entro fine estate”

Sono 206 i ricoverati con sintomi nei vari ospedali siciliani mentre sono 25 le persone in terapia intensiva (nessun nuovo ingresso nelle ultime 24 ore)

Sono 158 i nuovi positivi al Covid 19 nelle ultime 24 ore su 12.465 tamponi tra rapidi e molecolari analizzati. È quanto emerge dal bollettino giornaliero emesso dal ministero della Salute. Sale così a 230.963 il totale dei positivi dall’inizio dell’emergenza, mentre gli attuali positivi sull’isola sono 4.908 (301 in meno rispetto a ieri).

Di questi sono 206 i ricoverati con sintomi nei vari ospedali siciliani mentre sono 25 le persone in terapia intensiva (nessun nuovo ingresso nelle ultime 24 ore). Rispetto a ieri si contano altre 453 persone dimesse o guarite per un totale di 220.104 dall’inizio dell’emergenza, mentre purtroppo si registrano altri 6 decessi (5.951 in totale).

I 158 nuovi casi in Sicilia sono così suddivisi nelle varie province: Palermo 21, Catania 23, Messina 1, Siracusa 13, Trapani 5, Ragusa 13, Agrigento 34, Caltanissetta 21 ed Enna 27.

Adesso aspettiamo una copiosa dose di siero di Pfizer che dovrebbe metterci al sicuro per i prossimi mesi estivi. Però inevitabilmente a luglio e agosto si registrerà una calo ma ci auguriamo ugualmente, per la fine dell’estate, di aver determinato l’immunità di gregge che secondo la scienza oscilla fra il 70 e l’80 per cento dei cittadini“. A dirlo il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci parlando con i giornalisti a Palazzo d’Orleans. “Noi stiamo continuando a vaccinare – ha aggiunto – abbiamo seguito il criterio anche di andare con alcune unità con le nostre Usca nei comuni non in zona rossa ma che potrebbero diventarlo fra qualche giorno proprio perché se il cittadino non va incontro al vaccino, è il vaccino che va incontro al cittadino

La campagna vaccinale prosegue un po’ più lentamente non perché manchi la volontà o la capacità organizzativa ma perché i tempi e il caldo stanno concentrando le prenotazioni nelle fasce pomeridiane e di prima mattina“. Lo ha detto l’assessore regionale alla Sanità Ruggero Razza parlando con i giornalisti. “Noi aumenteremo ulteriormente i centri di vaccinazione – ha proseguito – ma siamo molto sopra il target che ci è stato affidato dalla struttura commissariale. Abbiamo un obiettivo, e l’incombenza delle varianti lo dimostrano, di completare l’immunizzazione entro la fine dell’estate. Per farlo servono efficienza organizzativa, e questa si è dimostrata in queste settimane, ma occorre anche la volontà dei cittadini di vivere la vaccinazione come l’unica occasione vera per uscire dalla pandemia“.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo