In tendenza

Crollano le vaccinazioni a Siracusa. Scifo (infettivologo): “la quarta dose potrebbe essere un richiamo per tutti in autunno” |Cambiano gli orari di apertura dei centri

Il via libera al siero per i pazienti fragili è arrivato dalla Commissione tecnico scientifica dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa)

La quarta dose al momento indicata per le categorie fragili, potrebbe diventare un richiamo da fare periodicamente già da questo autunno. A dirlo è Gaetano Scifo, infettivologo ed ex primario del reparto di Malattie infettive all’ospedale Umberto I di Siracusa.

Il via libera al siero per i pazienti fragili è arrivato qualche giorno fa dalla Commissione tecnico scientifica dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), secondo cui per i pazienti immunocompromessi la quarta dose equivarrebbe alla dose booster offerta alla popolazione generale: un primo richiamo a seguire appunto il ciclo primario ‘2+1’. L’indicazione degli esperti è che venga somministrata con vaccini a mRna, negli stessi tempi del booster per tutti.

“La copertura con una quarta dose è decisamente più alta”, dice Scifo. L’infettivologo siracusano parla di una “road map” che potrebbe portare all’estensione dell’ulteriore dose di vaccino prima per i sanitari e poi per gli over 75, così come sta succedendo nel Regno Unito.

La quarta dose potrebbe essere realtà presto anche per gli immunocompetenti, ma probabilmente sotto forme diverse: “Si stanno studiando altre forme di vaccinazioni per un richiamo in cui si somministrerà una versione di vaccino un po’ più aggiornata rispetto alla proteina spike che è stata somministrata facendo riferimento al ceppo iniziale di Wuhan”. 

Sotto il fronte dei vaccini, però, a Siracusa si sta registrano un calo nei numeri, soprattutto tra i più giovani, nonostante l’arrivo di Novavax (il vaccino che avrebbe dovuto convincere anche i più diffidenti). Ormai vengono somministrati un centinaio di vaccini giornalieri e poche prime dosi. Si va incontro all’estate quando, come si sa, il vaccino continuerà a circolare ma in forma più lieve. A settembre si vedrà.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo