In tendenza

Deserta l’assemblea dei soci Ias di Priolo Gargallo. Cafeo: “Governo indifferente al tema della gestione”

"Alla luce di quanto accaduto, non può che confermarsi la sgradevole sensazione che al Governo regionale il tema del funzionamento e della gestione dell’impianto"

L’assemblea dei soci del depuratore Ias di Priolo Gargallo, prevista per oggi, è andata deserta. Alla luce di quanto accaduto, non può che confermarsi la sgradevole sensazione che al Governo regionale il tema del funzionamento e della gestione dell’impianto, strategico per il nostro territorio e la sua salubrità, non sia poi così fondamentale – dice Giovanni Cafeo, parlamentare regionale di Italia Viva e segretario della III commissione Ars Attività Produttive – o per lo meno non lo sia tanto quanto l’individuazione dei ruoli da ricoprire nella governance dell’ente”.

Di fatto corriamo il serio rischio di assistere a un’assegnazione di poltrone in applicazione del sempre valido manuale Cencelli – prosegue ancora Cafeo – in perfetto stile Prima Repubblica, utile per accontentare gli alleati ma in barba ai soli requisiti necessari per la corretta gestione del depuratore, cioè il merito e la competenza. Se, come credo, alla fine il tutto si risolverà con un’equa suddivisione dei ruoli tra gli esponenti della maggioranza, ci troveremo di fronte all’ennesimo passo falso di questo Governo un’ulteriore zavorra alla già affondata credibilità della politica regionale nei confronti dei cittadini siciliani”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo