In tendenza

“Discoteca a cielo aperto e alcol, Marzamemi ripiomba nel passato”: la dura critica del consigliere Fronterrè

È bastato il primo fine settimana dei ponti di primavera a scatenare le polemiche sulla gestione del borgo marinaro

Lo ha definito ironicamente “Il paese dei balocchi”, ma nell’accezione negativa. È dura la critica del consigliere comunale Davide Fronterrè nei confronti dell’amministrazione comunale. È bastato il primo fine settimana dei ponti di primavera a scatenare le polemiche sulla gestione del borgo marinaro.

Marzamemi torna ad essere una discoteca a cielo aperto – ha dichiarato il consigliere Fronterrè – ragazzini ubriachi che urinano nei vicoli del centro storico. Accenni di risse fomentate dai fumi di alcool e dalla musica fuori dai decibel consentiti per legge (ogni diffusione musicale dovrebbe essere diffusa solo nella pertinenza del locale)”.

Ieri, nella domenica di Pasqua, il centro storico del borgo è stato assalito da avventori e turisti, come non accadeva da tempo per via de periodo di emergenza sanitaria.

Purtroppo siamo tristemente tornati ai periodi più bui – ha continuato il consigliere Fronterrè – l’amministrazione ha sbagliato con un’ ordinanza che stabilisce i limiti orari senza un piano contro l’inquinamento acustico: questa violenza non avrà fine. Seguita poi da nessun controllo riguardo i volumi e la somministrazione di alcolici ai minori, e il gioco è servito. Tutto questo in un giorno importante come la Pasqua”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo