In tendenza

“Dov’è finito il tesoretto di 1,4 milioni di euro destinata alla comunicazione di Tekra? Siracusa è disinformata e diseducata”: l’affondo del M5S

"Il Comune di Siracusa insiste nel colpevolizzare il cittadino per le microdiscariche in città, quando invece lo ha da sempre lasciato privo di ogni formazione e supporto, pure previsti (e pagati)"

Riceviamo e pubblichiamo una nota del Movimento 5 Stelle cittadino in merito alla mancata comunicazione predisposta dalla Tekra sul servizio di igiene urbana in città.

“Che fine ha fatto la somma prevista per tutte quelle attività che avrebbero permesso ai cittadini di ricevere informazioni puntuali sulla raccolta differenziata? Chiediamo all’amministrazione comunale, ed in secondo ordine alla ditta che gestisce il servizio, in cosa è stato investito il tesoretto di 1,4 milioni di euro che – secondo l’appalto – doveva essere invece utilizzato per educare, formare e sensibilizzare i siracusani verso una differenziata sempre più di qualità.

L’allegato tecnico al servizio di gestione dei rifiuti urbani elenca una serie di iniziative destinate a “scatenare grande impatto emotivo” per diffondere una capillare conoscenza sulla “corretta separazione dei rifiuti” con “campagne di richiamo e stimolo”.  Campagne di comunicazione – si legge – che andavano di volta in volta rafforzata in base all’andamento della raccolta.

Nella relazione tecnica Tekra, che fa parte del materiale di gara per l’aggiudicazione del servizio, si parla di “campagna informativa chiara, trasparente e coinvolgente, al fine di migliorare la collaborazione e l’apporto che i cittadini e le utenze commerciali possono dare ad un corretto conferimento dei rifiuti”.

Le ultime settimane confermano però che il Comune di Siracusa non si è minimamente curato di assicurarsi che i suoi cittadini venissero adeguatamente e costantemente preparati. Sono stati lasciati  impreparati di fronte alla differenziata e, a distanza di anni, sempre più a corto di informazioni.

Era inevitabile che ad un certo punto emergesse l’impreparazione delle famiglie, specie davanti alle difficoltà crescenti del servizio. Mai visti gli annunciati spot video in motion grafica; non pervenuta la campagna di monitoraggio dei conferimenti domiciliari per promuovere la qualità, “intervenendo sugli irriducibili con controlli mirati contestuali alla raccolta”; punti informativi mobili; reclutamento di ecovolontari; campagne di richiamo e stimolo per la partecipazione alla raccolta differenziata da parte della popolazione; campagne di monitoraggio del compostaggio domestico con Monicomp; informazioni multilingue verso i turisti etc etc.

Eppure il Comune di Siracusa insiste nel colpevolizzare il cittadino per le microdiscariche in città, quando invece lo ha da sempre lasciato privo di ogni formazione e supporto, pure previsti (e pagati). Le multe? Ai condomini con i carrellati in strada (tollerati per anni). Tardivo ma giusto se accompagnato da una seria azione di contrasto all’evasione”.

Questo, ovviamente, non giustifica scene come quelle pubblicate oggi sulla pagina Facebook di SiracusaNews grazie alle segnalazioni sul numero WhatsApp


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo