Due milioni e 800 mila euro per 13 teatri di Siracusa e provincia

Fondi destinati a 13 tra Comuni, istituti scolastici, parrocchie e associazioni a vario titolo impegnati in campo teatrale: da Nord a Sud della provincia.

Due milioni e 800 mila euro per 13 teatri siracusani. Per la precisione destinati a 13 tra Comuni, istituti scolastici, parrocchie e associazioni a vario titolo impegnati in campo teatrale: da Nord a Sud della provincia.

Lo rende noto la deputata regionale di Fratelli d’Italia, Rossana Cannata, che sottolinea come i fondi, erogati dal Dipartimento regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, serviranno per interventi di ristrutturazione e, addirittura, di riapertura, di strutture teatrali chiuse al pubblico da tempo.

“È questo per esempio il caso dell’ex cinema Cappello di Avola – rileva la componente della commissione regionale Attività produttive – una struttura che, dagli anni Novanta, versa in uno stato di abbandono a cui, adesso, si pone fine con un contributo di 231.073,80 euro. Ma nel Siracusano sono stati concessi anche 233.220,00 euro per il Teatro comunale di Carlentini; 233.219,99 euro per l’Auditorium comunale di Ferla; 177.424,75 euro per l’Afam, Associazione Amici della musica di Floridia; 229.844,99 euro per il Teatro auditorium multifunzione di Canicattini Bagni; 222.010,38 euro per il Cine Teatro Planet Vasquez di Siracusa; 229.386,11 euro per l’ A. C. Megakles Ballet di Lentini; 182.891,02 euro per l’Auditorium dell’istituto Luigi Einaudi di Siracusa; 231.027,25 euro per il Teatro comunale di Buccheri; 225.219,05 euro per l’Auditorium della chiesa di San Giacomo di Buscemi; 191.483,16 euro per il Teatro comunale Tina Di Lorenzo di Noto; 215.668,88 euro per il Teatro Massimo di Siracusa e 223.371,34 euro per l’Auditorium Attilio Del Buono di Rosolini”.

La deputata all’Ars Rossana Cannata commenta: “Il Governo Musumeci, con questi fondi, fornisce nuova linfa vitale a un settore, come quello teatrale, espressione di luoghi e talenti che vanno tutelati e valorizzati. Contenitori fondamentali per la crescita culturale della popolazione di ogni età, i teatri sono depositari di un immenso patrimonio umano, fatto di professionalità artistiche che, non bisogna dimenticarlo, rappresentano anche uno straordinario motore per l’economia isolana”.

La Regione siciliana ha quindi concesso all’Amministrazione un finanziamento di 221 mila euro per il Teatro comunale. La somme consentirà di acquistare attrezzature sceniche, service audiovisivi e arredi ancora mancanti, oltre che completare gli impianti di condizionamento e illuminazione.

“Ringrazio l’assessore Fabio Granata e i suoi collaboratori – afferma il sindaco, Francesco Italia – per aver ottenuto questo importante finanziamento su un progetto presentato a nome della Amministrazione alla Regione siciliana. Ringrazio inoltre il presidente Nello Musumeci per l’attenzione politica e progettuale verso Siracusa. A giorni pubblicheremo il nuovo bando per una gestione innovativa e continua del nostro splendido Teatro e questo nuovo finanziamento contribuirà notevolmente non solo all’aggiudicazione ma anche alla futura gestione”.

Grazie a questo progetto –commenta l’assessore alla Cultura, Fabio Granata – il Teatro comunale e il suo recupero potrà definirsi completo: una bella e importante notizia per la nostra città”.

Soddisfatto anche il sindaco Incatasciato: “ci abbiamo creduto e ce l’abbiamo fatta! Come già reiterato, questa Amministrazione comunale è attenta e pronta, con una progettualità mirata, a cogliere tutte le forme di finanziamento in ambito regionale, nazionale ed europeo. Il finanziamento in oggetto è uno degli esempi concreti della nostra politica del fare. Ho seguito personalmente l’iter procedurale, aderendo all’intuizione del Governo Regionale che sostiene la cultura come ambito di sviluppo, anche economico. Tutto ciò ha portato ad un riscontro più che positivo che ci permetterà di riqualificare ulteriormente la struttura, dopo i primi lavori di efficientamento dei mesi scorsi”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo