Sono 1.110 i nuovi positivi al Covid in Sicilia, 162 in provincia di Siracusa

In tendenza

Emergenza Covid a Melilli, Ternullo: “Siano chiusi tutti i plessi scolastici per scongiurare il peggio”

Proprio ieri il primo cittadino di Melilli, Giuseppe Carta, ha disposto la chiusura di alcuni plessi scolastici

La situazione emergenziale a Melilli è sotto gli occhi di tutti. I contagi aumentano e specie tra le strutture scolastiche l’allerta è alta. Per tale motivo, invito il sindaco e la protezione civile, a chiudere tutti i plessi scolastici siti a Melilli centro, sia il Rodari che il Matteotti, oltre al Costanzo che è già chiuso per ovvi motivi strutturali.  Proprio a tal proposito, considerato che è crollato il tetto, chiedo che il plesso scolastico, prima che gli alunni rientrino in classe, venga messo in sicurezza, con tanto di documentazione che ne accerti l’agibilità per tutti: alunni, insegnanti  e personale scolastico“.

A dirlo è la parlamentare regionale di Forza Italia, Daniela Ternullo che interviene così sull’emergenza sanitaria in atto anche nel comune industriale. Proprio ieri il primo cittadino di Melilli, Giuseppe Carta, ha disposto la chiusura di alcuni plessi scolastici. Nello specifico il Don Bosco, il Giacomo Matteotti di via Matteotti, il Giulio Emanuele Rizzo e la Costanzo. Tutti gli altri resteranno regolarmente aperti, dato che al loro interno non sono stati riscontrati casi di contagio tra gli alunni, il personale docente, amministrativo e i collaboratori scolastici. Ma questo per la parlamentare regionale non basta.

Tra l’altro – prosegue la Ternullo -, a seguito del sopralluogo effettuato dai consiglieri Miceli e Cannata, presso il Costanzo, lo stesso responsabile LL.PP ha confermato che non c’è fretta per la riapertura. Per quanto invece concerne l’invito alla chiusura dei plessi di Melilli centro, ricordo che parliamo di una piccola cittadina, in cui soggetti dello stesso nucleo familiare, possono frequentare scuole differenti, con il rischio di creare e amplificare eventuali focolai domestici che non possiamo permetterci. Pertanto, suggerisco una chiusura legata al buon senso, che possa bloccare sul nascere successivi disagi“.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo