In tendenza

Emergenza Immigrazione, il Ministro Alfano a Siracusa. “Sicilia porta d’ingresso, ma questione europea”

È avvenuta stamane la visita del ministro dell’Interno Angelino Alfano, il quale ha tenuto un tavolo tecnico con i nove prefetti della regione siciliana, per discutere dell’emergenza immigrazione. A tal proposito, l’On. Prestigiacomo, ha espresso la sua gratitutine per l’interesse dimostrato e quanto già fatto finora (LEGGI QUI).

Il Ministro ha sottolineato l’ospitalità e la generosità del popolo siciliano, ma ha tenuto ad evidenziare il tema della sicurezza per la cittadinanza; “Sicurezza che – ha affermato – sarà interesse e compito del Governo garantire”.

In merito la visita del Ministro Alfano, Sofia Amoddio deputata nazionale in forza al PD, afferma:

“La visita del Ministro dell’Interno Angelino Alfano a Siracusa è un atto dovuto”. Così l’On. Sofia Amoddio del Partito Democratico, membro della Commissione Giustizia della Camera e della Giunta per le Autorizzazioni a procedere.

“La decisione del Ministro di convocare un tavolo tecnico con le prefetture del sud-est della Sicilia è stata il frutto delle sollecitazioni di tutti i parlamentari che in questi mesi hanno denunciato l’emergenza e si sono attivati con atti parlamentari per sollevare l’interesse del governo su questa vicenda”.

Personalmente, oltre ad aver tenuto dei costanti contatti con il Prefetto Gradone, ho più volte visitato il Centro Umberto I di Siracusa, ascoltato le istanze delle associazioni presenti sul territorio (Emergency, Arci, Asgi). Ho spronato il Governo a dare delle risposte con un intervento in Aula e con un’interrogazione parlamentare depositata il 24 luglio 2013 nella quale chiedevo di porre fine alla logica degli interventi emergenziali; 
di istituire, con la predisposizione di un regolare bando di gara, un centro di Primo Soccorso e Accoglienza in cui la permanenza massima sia di 48 ore e di privilegiare forme di accoglienza diffusa e decentrata, con la creazione di centri con un limite massimo di 80 posti e con la promozione di forme di autogestione in linea con i paesi europei”.

Non va dimenticato – conclude l’Amoddio – che la visita del Ministro Alfano, che spero si renda conto della situazione e riesca ad intervenire in maniera concreta, è stata anche il frutto del lavoro svolto in loco dai volontari, che con il loro impegno hanno reso più umana l’accoglienza ai migranti e dalle forze dell’ordine che continuano a spendersi 24 ore al giorno”.



© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo