In tendenza

Eventi Di Rilievo Internazionale A Siracusa: Speranza “Ammonisce” Gli Assenti

Due denunce da parte dell’assessore comunale alle Politiche Culturali, Sandro Speranza a margine di un evento importante e di levatura internazionale, come è la presentazione dell’Annunciazione dell’Antonello da Messina, oramai restaurata.

Primo: l’assenza continuata e ingiustificata dell’assessore regionale ai Beni Culturali Antonello Antinoro a eventi del genere.

Secondo: l’assenza reiterata dell’Università e delle Accademie cittadine alla visione di mostre didattiche di un certo spessore, quale si preannuncia quella dell’Antonello.

Presentazione stamattina dell’Annunciazione dell’Antonello da Messina, un quadro importante presentato in maniera importante, dopo anni di assenza in città. Ma per l’assessore Speranza manca qualcosa, o meglio qualcuno.

“A parte l’alto valore specifico di questo tassello che aiuta a evidenziare l’attività culturale che si sviluppa a Siracusa – ha commentato l’assessore alle Politiche Culturali Sandro Speranza – il ritorno a casa di questo meraviglioso bene culturale rappresenta una ottima promozione dei siti che accolgono tali beni sul nostro territorio. Un evento che tiene a sottolineare il nuovo modello di sviluppo che si è intrapreso e che concede a Siracusa una ulteriore opportunità di accendere le “benedette” Luci sull’interesse culturale dei viaggiatori.

C’è una nota oscura che mi preme sottolineare in questo momento dell’asse regionale ai temi attuali, la continua assenza dell’assessore regionale ai Beni Culturali Antonello Antinoro, un’assenza che ritengo un fatto grave”.

A partecipare all’evento, così come a tutto il programma Luci a Siracusa, sono state invitate anche le scuole, l’Università e le Accademie cittadine. Oltre, chiaramente, agli operatori alberghieri compresi B&B.

“Quello che ci aspettiamo da Luci a Siracusa – ha detto l’assessore Speranza – è che su questo genere di manifestazioni di levatura internazionale, come quello dell’Antonello da Messina che ha ricevuto un intervento di restauro abbastanza delicato e particolare dal punto di vista integrativo, è il più totale coinvolgimento da parte della Facoltà dei Beni Culturali e del Restauro di Siracusa. Ci preme avere dei segnali su questo fronte, che diventi un fatto didattico vissuto da tutti gli studenti della provincia”.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo