“Fermiamo l’inquinamento a Siracusa”: 175 mila firme saranno consegnate al ministro Costa

Lunedì si terrà la consegna delle firme della petizione per fermare l’inquinamento nell’area industriale di Siracusa, Melilli, Augusta e Priolo promossa da Giuseppe Patti

Lunedì alle 11 nella sede della Regione Sicilia a Catania, in occasione della firma da parte del Ministro dell’Ambiente Sergio Costa del protocollo d’intesa sulla qualità dell’aria con la Regione Sicilia, si terrà la consegna delle 175.000 firme della petizione change.org/Siracusa per fermare l’inquinamento nell’area industriale di Siracusa, Melilli, Augusta e Priolo promossa da Giuseppe Patti.

La campagna, lanciata a gennaio, in poche settimane aveva attirato l’attenzione dei media locali e nazionali; nei mesi, ha raccolto il sostegno di tanti abitanti della zona e del resto d’Italia, che si sono mobilitati per chiedere, tra le altre cose, al Governo di aggiornare il Catasto Inquinanti e di attuare una transizione ecologica; alla Regione Sicilia di implementare una migliore rete di monitoraggio della qualità dell’aria al fine di tutelare la salute dei cittadini; e all’Azienda Sanitaria Provinciale di Siracusa di rendere noto il numero di malati di tumore nell’area.

Lunedì, l’autore della petizione, che aveva già ricevuto una risposta pubblica direttamente sulla piattaforma da parte dello stesso Ministro, gli consegnerà le oltre 175.000 firme.

“Finalmente qualcosa si sta muovendo anche per il nostro martoriato territorio – ha commentato Patti – La presenza del Ministro Costa per la firma di un protocollo d’intesa per migliorare e monitorare la qualità dell’aria, con lo stanziamento di parte dei 400milioni che lo Stato ha deciso di destinare all’ambiente, ci fa sentire meno soli e ci consegna anche una speranza per il futuro delle nuove generazioni. Auspico che adesso questi soldi non finiscano in un buco nero e che si inizi seriamente a pensare ad un Green New Deal anche qui in Sicilia. Ringrazio tutti coloro che hanno firmato l’appello su Change.org”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo