In tendenza

Festa di San Sebastiano, il Comune di Priolo attiva un piano per tutelare i pellegrini

Due i punti ristoro allestiti, uno lungo la ex 114 e l’altro alla fine della salita della SP 95. Punti luce saranno posizionati in alcune strade: vicino la rotonda del Palaenichem, all’ingresso di Priolo e nei pressi del Ciapi

Il sindaco di Priolo Gargallo, Pippo Gianni, ha dato mandato al dirigente Gianni Attard di attivare tutte le operazioni di Protezione Civile atte a tutelare i devoti che si recheranno in pellegrinaggio a Melilli. La Protezione Civile comunale e le Forze dell’Ordine pattuglieranno tutta la zona che va dall’ex “Triglia d’Oro” fino alla salita della SP 95.

Due i punti ristoro allestiti, uno lungo la ex 114 e l’altro alla fine della salita della SP 95. Punti luce saranno posizionati in alcune strade: vicino la rotonda del Palaenichem, all’ingresso di Priolo e nei pressi del Ciapi.

La Polizia di Stato sarà impegnata in attività di controllo delle strade, dove sarà presente anche un’autoambulanza della Misericordia di Priolo. Le operazioni prenderanno il via alle 17:00 di domani, martedì 3 maggio, fino al termine del pellegrinaggio. Durante la notte tra il 3 e il 4 maggio, i pellegrini provenienti dalla zona sud della provincia troveranno aperta a Priolo la chiesa dell’Angelo Custode, dove potranno sostare in preghiera.

Il sindaco Gianni raccomanda attenzione e la massima prudenza a tutti i devoti intenzionati a recarsi a Melilli. Il Comune di Melilli ha informato il Comune di Priolo e la Protezione Civile di aver istituito il Centro Operativo Comunale, in virtù del previsto afflusso di persone in pellegrinaggio, con l’attivazione all’interno della villa comunale di una Postazione Medico Avanzata in grado di prestare il primo soccorso in caso di malori.

 

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo