fbpx

Riapertura di nidi e materne: approvate le linee guida per la ripresa delle attività

Floridia, al Volta si celebra l'”Amore per il mare”. Rinnovata causa covid la manifestazione in memoria del maestro Nando Amato

Per rispettare la tradizione è stato realizzato un video che ha coinvolto studenti di tutti gli ordini scolastici

Le tradizioni, si sa, sono importanti e all’istituto comprensivo Alessandro Volta di Floridia ce n’è una che da un ventennio accompagna la chiusura dell’anno scolastico nel ricordo del maestro Nando Amato. Nonostante il covid, quindi, la scuola ha deciso che anche quest’anno la manifestazione “Amore per il mare” ci sarebbe stata, in maniera diversa certo, ma sempre sul filo del ricordo e della riflessione.

Al centro cella 21esima edizione, quindi, una sorta di viaggio fra le manifestazioni degli anni passati, intrecciate con storie di creature fantastiche e mitologiche, che raccontano ciò che accade nel nostro mare. Tutto per immagini, messe insieme in un video realizzato dagli studenti, diretti dalla professoressa Luisa Uccello, che unisce parole, racconti, danze e disegni.

“Amore per il mare non è soltanto una manifestazione in ricordo del maestro Nando Amato, ma anche l’invito che rivolgiamo a tutta la nostra comunità scolastica per riflettere, commentare e ideare nuovi progetti sul rispetto e l’amore per il mare – afferma il narratore, spiegando l’edizione 2020 –. Anche quest’anno, anzi, soprattutto quest’anno, abbiamo sentito l’esigenza di ripensare al nostro caro mare”.

Come da tradizione, quindi, i “ragazzi sono stati i veri protagonisti – ha sottolineato il dirigente scolastico Mario Bonanno -, con la collaborazione dei docenti e delle famiglie non ci siamo fermati. Ci tenevamo a mantenere questo appuntamento così importante per la nostra scuola”.

“Il video – spiega la professoressa Uccello – ha coinvolto gli studenti dall’infanzia, alle medie: i più piccoli hanno realizzato dei disegni, le quarte della primaria raccontato la storia del Pesciolino Arcobaleno, mentre i più grandi delle medie, insieme con gli studenti delle quinte della primaria, hanno rappresentato la storia della Pillirina e della Fonte Aretusa e si sono esibiti in canti e balli”.

E se nelle passate edizioni alla manifestazione era abbinato un concorso con in palio delle borse di studio offerte dalla vedova del maestro Amato, Marilena Gissara, quest’anno la donazione è andata direttamente alla scuola per la quale, in memoria di Nando, sono stati donati due notebook al servizio della didattica.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo