In tendenza

Floridia, formazione d’eccellenza al liceo Da Vinci: riparte il corso di curvatura biomedica con la medicina dello Sport

Lo sport è fra i principali ambiti formativi del Liceo Da Vinci che vanta fra i suoi indirizzi di studio, anche quello Sportivo

La scuola si apre al territorio e il Liceo Da Vinci si rinnova con progetti e iniziative che mirano ad ampliare l’offerta formativa e ad adeguarsi alle necessità del mondo del lavoro. Grazie al protocollo d’intesa stipulato fra ministero dell’Istruzione e Ordine dei medici e degli odontoiatri, a Floridia ha preso il via la seconda fase del corso di Biologia con curvatura biomedica.

Il progetto coinvolge 32 studenti – sia della sede centrale di Floridia, sia di quella distaccata di Canicattini – degli indirizzi Scientifico, Scienze Applicate, e Sportivo (ma al Da Vinci sono attivi anche gli indirizzi Linguistico, Scienze Umane ed Economico Sociale) ha una durata di 50 ore annue per 3 anni, ed è tenuto da docenti di Scienze e da medici che hanno aderito all’iniziativa. Comprende una parte di attività di laboratorio, e si sviluppa di volta in volta su un ramo differente della medicina.

Questa volta tocca alla medicina dello Sport ed è tenuto dal dott. Mariano Caldarella, medico sportivo, appunto. Il corso rappresenta un importante punto di incontro fra la formazione teorica e l’impiego pratico, che è la strada verso cui il liceo Da Vinci si muove, da alcuni anni, con una didattica sempre rinnovata, grazie anche all’uso dei laboratori, come, ad aesempio, quello di robotica, o dell’osservatorio astronomico; ma che passa anche dall’ampliamento degli indirizzi di studio. Fra questi, da quasi un decennio, ha inaugurato l’indirizzo Sportivo, l’unico riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione nella provincia di Siracusa, che consente di integrare la formazione più ampia e dettagliata tipica del liceo, con lo studio, pratico e teorico, delle discipline sportive.

La teoria è sostenuta dai docenti specializzati che non si limitano solo a far fare “ginnastica” ma che gestiscono lezioni in aula e fuori, e garantiscono l’impegno pratico grazie anche alla ricca dotazione di impianti sportivi dell’istituto. Numerosi, inoltre, sono i riconoscimenti che la scuola ottiene annualmente nel campo delle competizioni sportive studentesche. Grazie poi a un altro progetto, dedicato agli “Studenti-Atleti di Alto Livello”, il diritto allo studio è tutelato anche per chi, come nel caso di alcuni allievi del Da Vinci, si trovano a dover coniugare la frequenza a scuola con allenamenti e competizioni che li obbligano a stare spesso lontani dalle aule.

La scuola deve essere concepita come servizio al territorio e volano di formazione, anche specialistica, per aprire la strada al mondo del lavoro” afferma il dirigente Marcello Pisani. “Un’offerta formativa specialistica ma anche variegata è la strada che stiamo percorrendo per dare ai nostri studenti un ventaglio di conoscenze e competenze che permetta loro di seguire al meglio percorsi formativi post diploma e universitari”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo