Arriva “WhatsApp SiracusaNews”: per le segnalazioni dei lettori, basta un messaggio

In tendenza

Floridia, l’istituto De Amicis torna in scena con il musical “Il sogno di Pinocchio”

Nella nuova versione proposta dal primo comprensivo convivono suggestioni della trazione, ormai diventate classiche, e messaggi legati alla contemporaneità

Giorno 7 giugno 2022, in una piazza del Popolo gremita di spettatori, è tornato in scena il Primo Istituto “E. De Amicis” di Floridia con il musical “Il sogno di Pinocchio”, una storia senza tempo che ha coinvolto più di 150 protagonisti, tra studenti, docenti e personale della scuola.

Numerose sono state le riscritture e le versioni cinematografiche, eppure ancora oggi la storia del famoso burattino ha tanto da dire.

Nella nuova versione proposta dal primo comprensivo convivono suggestioni della trazione, ormai diventate classiche, e messaggi legati alla contemporaneità. La colonna sonora della Disney, entrata a far parte dell’immaginario fiabesco di generazioni di bambini e di adulti, è stata esegutia dal vivo dell’ensemble e dal coro De Amicis. La fata del sogno, in apertura, ha invitato il pubblico a credere nei desideri in apparenza impossibili: quello di Geppetto, di Pinocchio, ma anche dei ragazzi di oggi che, in un mondo dove sembra tutto più facile e alla portata di un click, devono imparare a costruirsi una propria identità e un sogno che sia il loro. Così i personaggi tradizionali, inventati da Collodi nel 1883, si sono fatti portavoce di temi attuali per mettere in guardia dai pericoli dell’omologazione e dell’alienazione, per esplicitare le storture della realtà, per porre l’accento sulle cose veramente importanti come gli affetti. Il messaggio più profondo che la scuola, dopo anni di limitazioni e restrizioni, ha scelto di trasmettere agli alunni e alle famiglie è stato quello di non arrendersi e di credere sempre nei sogni.

Il dirigente scolastico Giorgio Agnellino si è dichiarato orgoglioso di una scuola capace di fare e di lavorare in armonia per la crescita degli studenti.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo