fbpx

Floridia, petizione popolare per il “Parco urbano Luciano Faraci” che sognava di far rinascere la villa comunale

Faraci prese in gestione la villa anni fa, e a proprie spese, e senza alcun aiuto, ristrutturò il chiosco e avviò la pulizia del parco

Intitolare la villa comunale a Luciano Faraci. È la richiesta che arriva direttamente da un gruppo di cittadini di Floridia che hanno anche organizzato una raccolta firme per far nascere il “Parco urbano Luciano Faraci”.

A pochi giorni dalla prematura scomparsa di Faraci, amici e conoscenti hanno dato vita a questa iniziativa popolare per realizzare il sogno di Luciano: far rinascere la villa comunale, appunto.

Nel tentativo di trasformare in realtà questo desiderio, alcuni anni fa Faraci “prese in gestione la villa comunale, ristrutturò la pizzeria e il chioschetto al suo interno e avviò i lavori di pulizia e cura del verde, tutto a proprie spese senza alcun aiuto da parte del comune di Floridia – ricordano gli amici –.Voleva coinvolgere i cittadini floridiani, le associazioni e qualche politico di buona volontà, per collaborare assieme a un progetto di rilancio di gestione condivisa del parco urbano. Purtroppo l’aiuto e la collaborazione non arrivarono mai. Organizzammo anche una petizione popolare assieme ad alcuni cittadini per il rilancio della villa comunale, raccogliendo più di 300 firme. Ma niente, il sogno di Luciano si interruppe lì. Aveva investito soldi e tempo e non ricevendo alcuna collaborazione, nemmeno per la pulizia settimanale del parco, dovette rinunciare”.

La villa passò, quindi, nelle mani di un altro gestore il quale, con lo stesso impegno, tentò di portare avanti il progetto avviato da Faraci ma chiuse definitivamente dopo poco per gli stessi problemi.

Ora che Luciano non c’è più gli amici e chi lo ha conosciuto in vita vorrebbero dedicargli il parco “nella speranza che da dove si trova adesso possa un giorno veder fiorire la villa comunale come avrebbe voluto” concludono.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo