In tendenza

Francofonte, domani si ricorda il sesto anno di beatificazione di don Pino Puglisi

Con una testimonianza del giornalista Francesco Deliziosi, allievo e amico di don Pino Puglisi e autore di “Se Ognuno fa qualcosa si può fare molto”, edito da Rizzoli

Nel sesto anniversario della beatificazione come martire di don Pino Puglisi, di cui proprio il prossimo 21 ottobre ricorre la festa liturgica (è il giorno del suo battesimo), verrà ricordato, domani, sabato 19, alle 19, nella chiesa Sant’Antonio Abate a Francofonte con una testimonianza del giornalista Francesco Deliziosi, allievo e amico di don Pino Puglisi e autore di “Se Ognuno fa qualcosa si può fare molto”, edito da Rizzoli.

L’iniziativa è stata promossa e organizzata dall’Ucsi di Siracusa e dalla Parrocchia Sant’Antonio Abate – Chiesa Madre di Francofonte con la collaborazione con la libreria “Amore” di Lentini. Converserà con Francesco Deliziosi, redattore capo del Giornale di Sicilia, il giornalista Salvatore Di Salvo, componente della giunta nazionale dell’Ucsi, l’Unione Italiana della Stampa Cattolica e presidente provinciale. La conversazione sarà aperta dai saluti e dall’introduzione dall’arcidiacono don Luca Gallina, parroco della chiesa di Sant’Antonio.

L’iniziativa è stata inserita nel contesto della manifestazione “#iononcisto”, per dire no alla violenza, alla paura e alle intimidazioni , che si è svolta mercoledì scorso con una marcia partita dal sagrato della chiesa Madre e si è conclusa in piazza Dante. “È giunto il momento – ha sottolineato don Luca Gallina – di metterci la faccia. Di impegnarsi in uno stile di vita che sia improntato alla legalità. Di dire con forza che non vogliamo abitare in una città dove i corrotti, i mafiosi, i delinquenti la fanno da padrone, ma in una città dove gli onesti, coloro che ogni giorno si sforzano di vivere nella legalità sappiano fare la voce grossa. Di dire che non ci stiamo più a subire questa prepotenza. Perché dove non ci sono diritto e giustizia non c’è libertà. Dove non c’è rispetto non c’è dignità”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo