In tendenza

“Grazie a medici e infermieri di cardiologia dell’Umberto I per i sorrisi in reparto”, la lettera di un paziente siracusano

La lettera di un lettore, Sergio, inviata alla redazione di SiracusaNews e all'Asp aretusea

“Grazie al team medico e infermieristico del reparto di cardiologia ed emodinamica dell’ospedale Umberto I perchè riescono a trasformare i giorni di ricovero in momenti sereni e rassicuranti”. Questa, in estrema sintesi, la lettera di un lettore, Sergio, inviata alla redazione di SiracusaNews e all’Asp aretusea.

Di seguito pubblichiamo la nota in versione integrale:

“Non sempre bisogna denigrare o parlare male del personale sanitario, a volte ci dimentichiamo quello che questi angeli hanno messo in atto per chi ha avuto bisogno e ha bisogno. Ecco perché ho trasmesso una mail al direttore generale dell’Asp per esprimere compiacimenti nei confronti di un reparto d’élite quello di cardiologia ed emodinamica dove quotidianamente vengono salvate vite umane. 

Checche’ se ne dica, come ho sempre sostenuto sin da quando la pandemia mise in ginocchio il pianeta e tutti elogiavamo questi angeli, per poi denigrarli se non aggredirli nei reparti o nei pronto soccorso, oggi ancor di più lo metto per iscritto con una mail inoltrata al direttore generale dell’Asp per ringraziare questo meraviglioso team d’eccellenza del reparto emodinamica e cardiologia dell’ospedale Umberto I che con grande abnegazione, senso del dovere, professionalità ma sopratutto sorriso e affettuosità hanno reso giorni in ospedale sereni e rassicuranti.

Grazie dal mio cuore alla dottoressa Garro, al dottor Sacchetta, alla dottoressa Santonoceto e al gruppo infermieristico Sabrina Amata, Valentina Cavallaro, Davide Blanco, Paola Pezzano, Barbara Corso, Federico Castelli, Pici Calogero, Luca Romano, Mariella Fortuna e al mitico Nino preparatore della sala emodinamica. A coloro che nutrono poca fiducia dico solo di avere più rispetto per questi grandi professionisti di cui abbiamo avuto bisogno e avremo sempre bisogno”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo