In tendenza

Green Pass obbligatorio: siracusani d’accordo… ma solo davanti alle telecamere

Il sondaggio fatto oggi da Siracusanews tra i lavoratori aretusei

Tutti d’accordo sul green pass, ma solo davanti la telecamera. Poi, a microfoni spenti prima vengono fuori i dubbi, poi il timore di dire quello che veramente si pensa per paura di essere criticati sui social. Questo un po’ quello che è successo stamattina facendo un piccolo sondaggio in città sulle reazioni dei lavoratori alla notizia dell’obbligo di green pass sia per il mondo del lavoro pubblico sia per il privato.

Un “non detto” su un argomento sensibile che scatena sempre tanto dibattito, tra le strade, nei bar e soprattutto sui social. E sarebbe proprio questo il motivo per cui qualcuno avrebbero rifiutato di schierarsi contro il passaporto sanitario davanti ai nostri microfoni: non voler essere vittima dei “leoni da tastiera” (sempre pronti a commentare la qualsiasi e con termini anche offensivi).

Probabilmente dietro il rifiuto di dire la propria davanti alle telecamere ci potrebbe essere anche la paura della reazione del titolare o dei cari ma ad ogni modo, nel mondo del lavoro siracusano, i contrari al green pass sembrerebbero meno rispetto ai favorevoli. Dietro questa presa di posizione ci potrebbe essere la fiducia nella scienza o il bisogno di dover lavorare, la voglia di ricominciare dopo l’estate o altre motivazioni, da qui al 15 ottobre vedremo se l’obbligatorietà porterà a un incremento della vaccinazione.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo