In tendenza

Il ministro Elena Bonetti a Siracusa: “La presenza delle donne in politica è fondamentale”

Bonetti: "Le quote rosa sono un ponte e non un punto di arrivo"

“Bisogna sradicare la discriminazione, la subcultura di prevaricazione verso le donne che spesso sono vittime e dipendenti dagli uomini che le picchiano perché non possono avere un percorso di autonomia. Microcredito di libertà e redito di libertà sono strumenti concreti, finanziamenti strutturali per i centri di violenza. Il tema di fondo è che bisogna promuovere lavoro femminile, partecipazione femminile e piena partecipazione femminile. solo una Parità totale può liberare il Paese dalla violenza di genere”. QUI il video

Così il ministro per la Famiglia e le Pari Opportunità Elena Bonetti oggi a Siracusa, rispondendo alle domande dei giornalisti in merito agli ultimi casi di femminicidio in Sicilia, tra cui quello commesso a Bronte dove ha perso la vita una donna di Noto, nel siracusano.

Bonetti ha tenuto un incontro, nella zona antistante l’Anfiteatro romano, moderato dall’avvocato Alessandra Furnari.

“Le quote rosa sono state un ponte e non un arrivo – continua Bonetti – Però la presenza e la leadership delle donne in politica è fondamentale. Non a caso io ho sposato il progetto di Italia Viva, partito nel quale c’è un numero di donne e uomini praticamente uguale. Sono convinta che alle prossime elezioni questo rapporto sarà ancora più rafforzato”.

E infine, sulla legge del Codice Rosso: “E’ uno strumento buono, ma nel caso del femminicidio ci vuole un’unione di intenti e una collaborazione ampia da più parti sociali e istituzionali perché la violenza di genere si combatte anche cambiando la cultura”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo