Inietta insulina a un paziente ricoverato a Lentini: donna in manette per tentato omicidio

La misura cautelare nei confronti della donna è scattata in seguito alla denuncia presentata proprio dal nosocomio di Lentini

Nel pomeriggio di ieri, agenti del commissariato di Lentini hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, richiesta dalla Procura della Repubblica di Siracusa, per i delitti di tentato omicidio aggravato, emessa nei confronti di una donna C. A. S., residente a Carlentini.

La misura cautelare personale, emessa nei confronti della donna, attualmente ricoverata in un reparto di Psichiatria di un ospedale della provincia aretusea, trae origine da un’indagine avviata da quest’ufficio in ordine a una comunicazione formale pervenuta al commissariato, da parte dell’ospedale di Lentini.

Un uomo di 72 anni,  residente a Carlentini, durante il ricovero in quella struttura ospedaliera, è stato colto da una grave crisi ipoglicemica con stato comatoso, non giustificata dalla terapia e dalla patologia in atto. La tempestiva indagine, coordinata dalla Procura di Siracusa, si è svolta mediante l’escussione di persone informate sui fatti; in particolare, dalle informazioni assunte da un parente della vittima sono emersi gravi elementi di reità in ordine al delitto di tentato omicidio posto in essere dalla destinataria dell’odierno provvedimento restrittivo. La testimone, non presente nel momento in cui la vittima ha accusato la grave crisi ipoglicemica con coma diabetico, è intervenuta alcuni minuti dopo durante le fasi esecutive del soccorso. In quel contesto, la testimone ha rinvenuto all’interno della borsa dell’indagata una siringa contenente liquido incolore, il cui odore ha indotto a ritenere che fosse insulina. Circostanza questa che, riferita prontamente ai medici che in quel momento stavano operando la stabilizzazione del paziente, è stata di fondamentale importanza nell’indirizzare l’azione dei sanitari per la corretta terapia salva vita. Il personale impegnato nell’indagine ha sequestrato la siringa e il relativo liquido contenuto al suo interno, informando il Pm, il sostituto procuratore della Repubblica di SiracusaTommaso Pagano, il quale ha coordinato l’attività d’indagine al cui esito il Gip di Siracusa ha emesso la misura cautelare eseguita dal personale della sezione investigativa del commissariato di Lentini, coordinati dal dirigente Aldo Monaco.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo