In tendenza

La Provincia Vota Contro L’autorizzazione Di Nuovi Centri Commerciali

Prima di procedere con la realizzazione di nuovi Centri Commerciali il presidente della Provincia di Siracusa On.le Nicola Bono vuole vederci chiaro sulla reale esigenza di autorizzare altre strutture di questo tipo.

“Occorre verificare se vi è equilibrio nel settore commerciale – dice Bono – fra la grande distribuzione e le piccole imprese commerciali. In tal senso avevamo chiesto, nella conferenza di servizi che si è tenuta ieri a Melilli per l’autorizzazione ad un proroga richiesta da un società per il completamento di un nuovo Centro Commerciale, di potere avere ulteriori dati di valutazione sulla effettiva condizione in cui versa il territorio provinciale.

Stranamente gli altri soggetti pubblici partecipanti hanno respinto la richiesta della Provincia di un rinvio della conferenza dei servizi di 15 giorni , motivato dalla necessità di effettuare ogni opportuno approfondimento. A quel punto la Provincia non aveva altra scelta che quella di votare contro la concessione del proroga .“
Nonostante il voto contrario di Provincia e Camera di Commercio alla nuova proroga la conferenza dei servizi ( di cui fanno parte anche la regione Siciliana ed il Comune di Melilli) ha approvato la richiesta della società titolare del nuovo centro commerciale.

Come detto la stessa conferenza dei servizi si è opposta ad una richiesta della Provincia di far slittare di 15 giorni il pronunciamento per chiarire, come richiesto dal Presidente On.le Nicola Bono, alcuni punti sul proliferare di centri commerciali, senza una oggettiva strategia ed una puntale visione di insieme.
In particolare la Provincia di Siracusa ha chiesto al rappresentante della Regione di fornire informazioni come la percentuale fra metri quadri autorizzati e la popolazione residente nel territorio della provincia di Siracusa, nonché di verificare se la concentrazione di Grandi Strutture di Vendita (Centri Commerciali) insediate nella provincia di Siracusa sia superiore a quella delle altre province siciliane.

Tutto ciò in considerazione del fatto che un’eccessiva presenza di Centri Commerciali potrebbe cagionare seri danni al tessuto economico del territorio, non ottemperando, fra l’altro, a quanto previsto dalle norme ( D.P.R.S. n.165 dell’11/7/2000 art.1, comma 1, lettera g) con le quali si tende alla salvaguardia dei livelli occupazionali e delle piccole e medie imprese.


L’approfondimento richiesto dalla Provincia, inoltre, intendeva verificare quanti nuovi posti di lavoro siano stati prodotti con l’insediamento degli attuali Centri Commerciali e quanti siano andati perduti dalle piccole e medie imprese, nonché quante fra queste ultime abbiano dovuto cessare la propria attività a causa della sempre più invasiva presenza sul territorio degli stessi Centri.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo