In tendenza

L’arcivescovo di Siracusa agli studenti degli istituti Raiti e Dolci: “tutto parte dall’amore”

Partire dall’amore e dai valori cristiani per costruire il futuro di una società che poggia su solide basi

Partire dall’amore e dai valori cristiani per costruire il futuro di una società che poggia su solide basi. È quanto sostenuto dall’arcivescovo di Siracusa Francesco Lomanto che ieri si è recato in visita in due scuole Danilo Dolci di Priolo Gargallo e Salvatore Raiti di Siracusa diretti dalla preside Angela Cucinotta.

“Crescere insieme, volersi bene, amarsi – dice l’arcivescovo di Siracusa – sono gli ingredienti fondamentali su cui costruire la comunità scolastica e sociale, questi aspetti sono da coltivare perché consentono di alimentare sia rispetto reciproco per il prossimo sia per il bene comune”.

La dirigente ha ricordato come i valori siano parte di una sinergia che s’ innesca da un rapporto consolidato tra genitori e insegnanti. “Con lo staff dei docenti – dice Angela Cucinotta, dirigente scolastica- e con le famiglie vi è una stretta collaborazione che fa parte del sentirsi un’unica e grande casa che accoglie le differenze e le valorizza partendo dai valori di umanità e di fratellanza”. Per l’occasione ha partecipato anche l’Avo che ha donato un ulivo all’istituto Raiti. “Il nostro esempio di volontari – dicono Imma Messana e Cetty Moscatt, rispettivamente responsabili provinciale e regionale dell’Avo – è quello di offrire un aiuto a chi sta male, ed è questo che vorremmo trasmettere ai ragazzi”.

L’attività della scuola è legata da sempre al sostegno della crescita umana così come hanno ricordato i docenti delle due scuole e i rappresentati della vita politica che hanno preso parte all’evento, il primo cittadino di Priolo Pippo Gianni, l’assessore Tonino Margagliotti e per Siracusa l’assessore Carlo Gradenigo.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo