In tendenza

Le iniziative online della Fondazione Inda: “Il caso Creonte” con Luciano Violante

Il dialogo con gli allievi dell’Accademia d’Arte del Dramma Antico sarà incentrato sulla figura di Creonte a partire dal libro edito da Il Mulino e scritto dallo stesso Violante: Insegna Creonte. Tre errori nell’esercizio del potere

Il presidente della Fondazione Leonardo – Civiltà delle Macchine ed ex presidente della Camera dei deputati, Luciano Violante, è l’ospite della nuova puntata con Antichi pensieri, la serie di dialoghi con i protagonisti del mondo del teatro e della cultura organizzati dalla Fondazione Inda.

Figure del potere del teatro antico: il caso Creonte è il tema dell’incontro in programma domani, venerdì 26 marzo, alle 18,30 in diretta sulla pagina Facebook della Fondazione Inda. A introdurre e moderare il confronto è Antonio Calbi, sovrintendente della Fondazione Inda; tutte le puntate realizzate sono disponibili anche sul canale YouTube della Fondazione Inda.

Presidente della Camera dei deputati dal 1996 al 2001 e della Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno della mafia e sulle altre associazioni criminali dal 1992 al 1994, Luciano Violante ha una lunga esperienza politica e ha attraversato fasi particolarmente intense della recente storia repubblicana: dagli anni successivi all’uccisione di Aldo Moro alla fine della guerra fredda, da Tangentopoli a Maastricht, fino alle stragi di mafia. Ex magistrato e accademico, da giudice istruttore si è occupato prevalentemente di terrorismo, oggi è presidente onorario di italiadecide e presidente della Fondazione Leonardo – Civiltà delle Macchine, istituzione che intende promuovere nei territori di riferimento la cultura industriale e d’impresa, valorizzare il patrimonio culturale e museale, diffondere conoscenza.

Il dialogo con gli allievi dell’Accademia d’Arte del Dramma Antico sarà incentrato sulla figura di Creonte a partire dal libro edito da Il Mulino e scritto dallo stesso Violante: Insegna Creonte. Tre errori nell’esercizio del potere.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo