In tendenza

Le pedalate di Brumotti all’ecomostro “bombardato” del Costa 1 ad Augusta: in onda il servizio di “Striscia la notizia”

“A bombazza” ha fatto un giro tra la scuola abbandonata, raccogliendo dal sindaco la promessa della sua riqualificazione anche grazie ai fondi della rigenerazione urbana ottenuti

“Non siamo a Baghdad, ma ad Augusta dove abbiamo una scuola elementare ferma con le quattro frecce che doveva sfornare fior fior di studenti e menti creativi e, invece, qua sforniamo solo scaldabagni, spazzatura e rovetti”. E in quella che doveva essere la palestra si fa “sollevamento mattoni”. Comincia cosi il servizio di “Striscia la notizia” di Vittorio Brumotti, andato in onda ieri sera (clicca qui per vedere il video), per la Befana, dedicato all’ecomostro del Costa 1, il complesso che si trova accanto al quarto comprensivo Costa da un lato e al secondo superiore Ruiz dall’altro. Una struttura che gli augustani conoscono bene, almeno dall’esterno, perché con le sue mura grigie è li al suo posto incompiuta da quasi 30 anni e orami completamente distrutta e vandalizzata.

“A bombazza” con la sua bici, attraversando anche la “giungla annessa”, ha passato in rassegna i due piani dell’enorme casermone, che è rimasto in piedi ma al cui interno sembra esserci stato davvero un bombardamento, pieno com’è di mattoni sbriciolati, ricordando che i lavori di costruzione della scuola – spesi 3 milioni e mezzo di euro – partirono nel ’90, ma si interruppero nel 1995 per un contenzioso con la ditta appaltatrice. Poi il Comune ha provato  a fare una convenzione con l’ex Provincia, ma non è andata a buon fine.

All’esterno l’inviato di Striscia ha incontrato il sindaco Giuseppe Di Mare, che ai microfoni di Canale 5 ha ribadito come il Comune abbia già partecipato a un bando per la costruzione di un asilo nido ed è risultato assegnatario di fondi per la rigenerazione urbana di tutta quest’area, che dovrebbe diventare “un’area sportiva per i giovani, nel giro di 2-3 annetti potrebbe cominciare a esserci”- ha promesso.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo