fbpx

Riapertura di nidi e materne: approvate le linee guida per la ripresa delle attività

Lentini, operazione “Mazzetta Sicula”: revocato l’obbligo di dimora per Zappalà

Il Tribunale ha sostituito la misura con quella meno gravosa del divieto di dimora negli impianti della Sicula Trasporti e Compost

Il Tribunale di Catania -Sezione riesame- ha annullato la misura cautelare dell’obbligo di presentazione all’Autorità di Polizia Giudiziaria applicata a Francesco Zappalà e sostituito la misura di non allontanarsi dal territorio di dimora abituale con quella meno gravosa del divieto di dimora negli impianti della Sicula Trasporti e Compost.

L’operazione “Mazzetta Sicula” è stata eseguita il 4 giugno scorso dal Nucleo Pef della Guardia di Finanza di Catania (Gico) in collaborazione con il Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata (Scico) con il supporto del Gruppo Aeronavale di Messina e ha portato a un’ordinanza di misure cautelari, emessa dal Gip del Tribunale etneo, nei confronti di 9 persone indagate, a vario titolo, per associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti, frode nelle pubbliche forniture, corruzione continuata e rivelazione di segreto d’ufficio nonché per concorso esterno in associazione di tipo mafioso.

I fatti delittuosi, perpetrati negli anni 2018 e 2019, sono essenzialmente connessi all’illecita conduzione della discarica di Lentini, la più estesa della Sicilia, gestita dalla “Sicula Trasporti” nonché alle “pressioni” esercitate da esponenti del clan mafioso dei Nardo finalizzate ad ottenere l’affidamento di un chiosco presente all’interno dello stadio della squadra di calcio “Sicula Leonzio” attualmente militante nel campionato professionistico di prima divisione.

Nei confronti di Zappalà che è il responsabile dell’impianto meccanico di trattamento biologico ieri il Riesame ha accolto la richiesta di una misura meno afflittiva proposta dall’avvocato Francesco Navarria  “Attendiamo di conoscere le motivazioni dell’Illustrissimo Tribunale – dichiara l’avvocato Francesco Navarria-. Tuttavia, è possibile affermare che il mio assistito è estraneo a qualsiasi ipotesi associativa nella gestione dei rifiuti presso la Sicula Trasporti”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo