In tendenza

Maltempo, notte di tregua e di paura per l’arrivo di Medicane. Scuole probabilmente chiuse anche domani

In provincia di Siracusa resta lo stato di allerta con i sindaci concordi nella chiusura di scuole, cimiteri, impianti sportivi e attività all'aperto. Che a meno di novità dovrebbe protrarsi fino a sabato

Seconda notte metereologica di “tregua” in Sicilia orientale dove il cielo è parzialmente coperto, tanto da fare apparire tra le nuvole, dopo diversi giorni, il sole. Oggi si vivrà la prima delle due giornate di apparente semi lockdown da allerta meteo per la chiusura preventiva di scuole, negozi, uffici pubblici e di tutte le attività non essenziali per timore dell’arrivo di un ciclone che, in formazione tra la Sicilia e Malta, si teme possa assumere caratteristiche tropicali diventando un uragano mediterraneo, un “MediCane”.

I modelli di previsione non riescono ancora a delineare con precisione la traiettoria e l’intensità del vortice, che interesserà la nostra isola soprattutto venerdì quando potrebbe assumere le caratteristiche di un ciclone simil-tropicale, in grado di portare piogge intense e forti venti. Il suo probabile arrivo sulla costa ionica della Sicilia e della Calabria è stimato tra la tarda serata di oggi e domani. Se dovesse impattare con la terra la zona interessata, secondo le previsione dei meteorologi, sarà sferzata da venti tempestosi, piogge battenti e insistenti per oltre 24-48 ore.

Attorno al centro depressionario i venti potrebbero soffiare con raffiche superiori ai 100 km l’ora generando intense mareggiate sulle coste. Per questo, e alla luce della drammatica esperienza vissuta col nubifragio di appena due giorni fa, a Catania alcuni negozianti hanno provveduto a “sigillare” le vetrine con silicone o a proteggerle con del legno o messo sacchi di sabbia davanti ai negozi. Scene assolutamente inedite per la Sicilia. E in provincia di Siracusa resta lo stato di allerta con i sindaci concordi nella chiusura di scuole, cimiteri, impianti sportivi e attività all’aperto. Che a meno di (piacevoli) novità dovrebbe protrarsi fino a sabato.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo