In tendenza

Marijuana light, come riconoscere la qualità

Qui potrai trovare una serie di consigli grazie ai quali scegliere la migliore marijuana light sul mercato nostrano

Acquistare della cannabis light è oggi possibile anche in Italia, ma bisognerà stare attenti alla qualità del prodotto che si deciderà di scegliere e di consumare. Si possono trovare prodotti a base di marijuana light di diversi tipi ed è per questo motivo che a volte la scelta può rivelarsi ardua.

Qui potrai trovare una serie di consigli grazie ai quali scegliere la migliore marijuana light sul mercato nostrano.

Cannabis light, come riconoscere la migliore

Come saprai, oggi è possibile acquistare la cannabis light non solo nei negozi “fisici” ma anche online. Proprio prendendo in considerazione questo secondo tipo di mercato dovrai riuscire a capire quali prodotti siano migliori pur senza poterli materialmente avere davanti agli occhi.

Ecco perché ci siamo concentrati su elementi che potrai apprezzare anche a distanza per controllare fin da subito se la cannabis light che stai per acquistare sia adatta a te.

  1. Il colore delle infiorescenze

Un primo elemento che dovrai controllare sarà costituito dal colore delle infiorescenze. Un colore vivo indicherà un’erba di alta qualità, fresca ed essiccata nel modo giusto, mentre un colore spento e opaco sarà sinonimo di un’infiorescenza vecchia, che avrà anche perso buona parte della sua efficacia.

Questo dipenderà soprattutto dall’essiccazione. Infatti, nel momento in cui la marijuana sia essiccata troppo perderà il gusto e avrà anche caratteristiche negative sotto il profilo dell’aspetto.

  1. La concentrazione di CBD

Un altro punto importante nella scelta della tua cannabis light sarà costituito dalla quantità di CBD presente nell’erba che vorrai acquistare. A meno che tu non voglia partire da un’erba davvero molto leggera, le varietà pregiate di erba light che potrai trovare sul mercato avranno una percentuale di CBD che oscillerà tra il 10 e il 20%.

Devi anche sapere che al di sotto del 10% non vedrai effetti significativi legati al consumo dell’erba. Se, quindi, questa ti serva per ridurre problemi fisici (dal mal di testa ai dolori muscolari) allora dovrai scegliere sicuramente una cannabis light che abbia, come minimo, quel tipo di concentrazione di CBD.

Cannabis light, le altre caratteristiche importanti

Nel momento in cui riceverai la tua cannabis light, magari acquistata online, potrai controllare le altre caratteristiche che ti indichiamo di seguito:

  1. Il profumo

Il profumo delle infiorescenze è un elemento importante.

I prodotti più pregiati e ben conservati avranno sempre un aroma intenso che tenderà al dolce e che permarrà per lungo tempo.

La presenza di un profumo persistente, inoltre, ti indicherà che la produzione dell’erba sarà avvenuta indoor, in un ambiente controllato, e non in coltivazioni più grandi e negli spazi esterni.

  1. La consistenza

Per valutare la bontà della cannabis light che avrai acquistato dovrai anche controllarne la consistenza.

Una cannabis molto secca, friabile e ruvida indicherà spesso un prodotto ormai vecchio, oppure una cima che sarà stata raccolta troppo presto, perdendo quindi tutta la sua consistenza originaria.

Ecco che, quindi, per controllare questo elemento dovrai toccare e cercare di sminuzzare la cannabis light. Se questa sarà leggermente appiccicosa allora saprai che sarà di buona qualità.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo