In tendenza

Mega impianto fotovoltaico a Canicattini Bagni, domani la manifestazione contro la realizzazione

Sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco di Noto, Corrado Bonfanti, anche lui contrario alla realizzazione dell'impianto e che domani sarà presente all'evento

Domani, sabato 19 giugno, inizia la grande mobilitazione contro i mega impianti di fotovoltaico in Sicilia, in difesa del paesaggio, dell’agricoltura, del patrimonio materiale e immateriale, della biodiversità e per la difesa dei beni comuni.

“Autorizzare da parte della Regione Siciliana l’installazione, solo per gli interessi speculativi di un fondo d’investimento inglese, di migliaia di pannelli solari per una estensione di oltre 100 ettari nel cuore del Parco Nazionale degli Iblei e di importanti siti inseriti nella World Heritage List Unesco, sconvolgendo la preziosa biodiversità e il paesaggio di un territorio di notevole bellezza, rappresentando di fatto una vera follia – dice Marco Mastriani – e poi tutto avviene in contrasto alla volontà politica espressa dalle amministrazione comunali di Canicattini Bagni, Siracusa e Noto e della popolazione, prediligendo così l’interesse economico di pochissimi sulla volontà degli abitanti, diventa un fatto ai confini della criminalità. Infine, la Regione Siciliana non può da un lato partecipare al tavolo tecnico del Ministero della Transizione Ecologica avviato nei mesi scorsi per la istituzione del Parco Nazionale degli iblei e nel frattempo procedere con autorizzazioni di interventi e investimenti che sono in contrasto con l’istituzione del parco nazionale stesso. Questo territorio e le loro comunità chiedono coerenza e rispetto delle volontà popolari. Intervenga il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci e revochi le autorizzazioni perché con operazioni simili altro che bellissima diventerà la Sicilia”.

Nel frattempo chiede a tutti i cittadini e alle associazioni di partecipare a una passeggiata militante sui luoghi con i rappresentanti dei Comuni di Canicattini Bagni, Siracusa e Noto e di tutte le realtà associative presenti da Articolo 9, Oltre, Ente Fauna Siciliana, Le aquile di Prometeo ed Ecomuseo degli Iblei.

Il progetto per l’installazione del mega impianto fotovoltaico nei territori di Canicattini Bagni, Siracusa e Noto, offende l’idea di sviluppo del nostro territorio alla base, da dieci anni, della mia azione politica. Il “no” alla discarica di Stallaini, il “no”, più volte ripetuto, alle trivellazioni nel Val di Noto, punto fermo del mio programma elettorale già dal 2011, sono serviti a difendere il nostro territorio da un modello di sviluppo che non ritengo sia quello migliore per un territorio, che fa del suo paesaggio e della sua agricoltura un punto di forza di ritrovata attrazione“.

A dirlo è il sindaco di Noto Corrado Bonfanti, che annuncia la sua partecipazione all’incontro/passeggiata di domani in località Bosco di Sotto nel Comune di Canicattini Bagni, ribadendo la ferma posizione sulla difesa del territorio da interventi invasivi.

Non posso che essere accanto al Comune di Canicattini Bagni, a quello di Siracusa, all’Unione dei comuni “Valle degli Iblei,alle associazioni ambientalistiche e a chi in questi giorni si sta impegnando per la difesa del nostro paesaggio agricolo e l’affermazione di un principio di sviluppo più rispettoso dei luoghi più coerente alla loro vocazione e alla loro storia“.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo