Melilli, A via a Sammastianu di Miliddi: il 4 maggio in cammino come a Santiago

L’appuntamento è come sempre il 4 maggio alle 4 del mattino nel momento in cui si spalancheranno le porte della Basilica che accoglierà i pellegrini al grido “Semu vinuti di tantu luntanu, prima Diu e Sammastianu”

Una tradizione secolare che coinvolge numerosi devoti provenienti da diversi centri della Sicilia orientale trasforma Melilli in una città meta di pellegrinaggi. Melilli il 4 maggio di ogni anno può essere paragonata a luoghi di culto come Santiago de Compostela.

Il cammino di San Sebastiano di Melilli, detto “A Via a Sammastianu di Miliddi”, rappresenta per molti fedeli un momento di preghiera, conversione, guarigione fisica e spirituale, tutte grazie ottenute dal Signore per l’intercessione del Santo Taumaturgo, il Martire Sebastiano.

Questo Santo, venerato dal 1414 nel centro ibleo, è l’identità stessa di Melilli. L’appuntamento è come sempre il 4 maggio alle 4 del mattino nel momento in cui si spalancheranno le porte della Basilica che accoglierà i pellegrini al grido “Semu vinuti di tantu luntanu, prima Diu e Sammastianu”.

I devoti scioglieranno il loro voto, offrendo fiori e ceri che saranno accesi in omaggio al Santo. Si raccomanda ai pellegrini che faranno strada durante la notte di utilizzare torce e gilet catarifrangenti. Per informazioni dettagliate sul programma dei festeggiamenti consultare la pagina facebook: Basilica San Sebastiano Melilli.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo