fbpx

Melilli, Presentati oggi i lavori del progetto “Ri-appropriamoci dei nostri luoghi”

Alla presenza di un folto pubblico che ha gremito l’Aula Consiliare del Comune di Melilli, stamani, a partire dalle 10 e 30, è stato tenuto il convegno dal tema “Ri-Appropriamoci dei nostri luoghi” nel corso del quale sono stati presentati i lavori elaborati dagli studenti delle terze classi del I Istituto Comprensivo di Melilli.

Hanno organizzato l’incontro i giovani dell’Apq (Accordo di programma quadro) di Melilli – Giovani protagonisti di sé e del territorio – coadiuvati dal personale del Servizio Politiche Giovanili dell’Ente.
Ha chiarito i contenuti e gli obiettivi generali del progetto “La Città del futuro a misura dei giovani” il Sindaco Pippo Cannata, che ha aperto i lavori.

Cannata ha detto che il progetto è stato strutturato in tre diverse azioni ed è finalizzato, tra l’altro, a promuovere la creatività giovanile, a rafforzare la capacità di futuro dei giovani attraverso il “crea-impresa”, a facilitare il dialogo all’interno della famiglia attraverso un focus group e conseguenti interventi operativi volti ad attenuare la “tendenza del familismo amorale”.

Cannata è quindi entrato nel vivo dell’argomento oggetto dell’incontro spiegando che “il programma propone di individuare le aree degradate o non più fruibili ed elaborare delle proposte progettuali al fine di riqualificare tali zone, rendendole più vivibili e adatte alle esigenze dei giovani, riscoprendo così quartieri o zone poco conosciute del nostro territorio. Grazie alla professionalità dei giovani dell’Apq di Melilli i ragazzi delle nostre scuole sono stati adeguatamente coinvolti e stimolati a sperimentare le loro potenzialità e il loro talento per migliorare il proprio stile di vita e quello degli altri”.

Il Sindaco Cannata ha concluso il suo intervento augurando a tutti i giovani dell’apq Melilli di raggiungere pienamente gli obiettivi prefissati attraverso le varie “azioni” del progetto “la citta’ del futuro a misura dei giovani”, che trovano la piena condivisione dell’amministrazione comunale. Ai giovani studenti, oltre ad averli plauditi per l’impegno profuso, ha suggerito di dedicarsi anche allo studio dell’educazione civica che serve a spianare la strada per costruire una società all’insegna della legalità.

L’Assessore alla Problematiche Giovanili del Comune di Melilli, Salvo Sbona, ha espresso un plauso nei confronti del gruppo di esperti, incaricati dall’Amministrazione a seguire e a organizzare tutte le azioni stabilite dal progetto APQ. In particolare per l’azione in merito alla quale è stata organizzata questa conferenza a conclusione di un percorso di sensibilizzazione nei confronti dei giovani melillesi, che come protagonisti della realtà in cui vivono, hanno elaborato dei piccoli progetti di riqualificazione urbana e si sono mostrati propositivi nei confronti dell’Amministrazione.

L’Assessore ha inoltre apprezzato che i giovani della nostra comunità si avvicinano sempre più alla politica attiva e si interessano al nostro patrimonio culturale e urbanistico; per questo ha dichiarato di promuovere in seno all’Amministrazione, e di sostenere le idee che sono state presentate oggi, potendo usufruire di quei sblocchi di capitale che si aspetta siano erogati in favore degli enti locali e che potrebbero finanziare investimenti nel settore dei lavori pubblici.

Cristina Elia, coordinatrice del progetto, è intervenuta riferendo che L’APQ (Accordo di Programma Quadro) Giovani protagonisti di sé e del territorio costituisce uno strumento di programmazione integrata attraverso il quale la Regione Siciliana e il Ministero della Gioventù pongono al centro dell’attenzione il mondo giovanile. Attraverso l’APQ la Regione stimola processi di cambiamento culturale tendenti a inserire i giovani al centro di specifici spazi di crescita e responsabilizzazione, valorizzandone le potenzialità e il ruolo in quanto soggetti attivi e determinanti per lo sviluppo della Sicilia.

La strategia generale è quella di promuovere il protagonismo sociale e le capacità di relazione dei giovani, per favorirne l’inserimento nel mondo del lavoro, lo sviluppo della personalità, le attitudini e la partecipazione attiva alla comunità locale.

I responsabili del concorso di idee “Ri-appropriamoci dei nostri luoghi”, Trieste Russitto Pierpaolo Pitruzzello e Natalia Russitto, si sono alternati per spiegare che nella “Azione II Educare alla legalità” il progetto ha proposto di individuare aree degradate o non più fruibili ed elaborare delle proposte che mirassero a migliorare tali zone. Sono state realizzate tutta una serie di attività volte a coinvolgere i giovani di Melilli, aiutandoli a sperimentare le loro idee per raggiungere gli scopi prefissati.

Questa conferenza è il risultato finale di un percorso iniziato qualche mese fa e che vede la presentazione di proposte di riqualificazione urbanistica messe in mostra e poste all’attenzione dell’Amministrazione comunale. I giovani coinvolti hanno manifestato molto interesse, tutto questo è stato possibile grazie alla collaborazione e alla disponibilità data dalla Dirigente del I Istituto Comprensivo di Melilli Angela Fontana, che nelle terze classi dei due plessi di Melilli e Villasmundo ha permesso un lavoro a stretto contatto con gli alunni, seguiti da alcuni docenti.

Sono stati presenti, inoltre, il Vicario del Dirigente Scolastico del I Istituto Comprensivo di Melilli, Maria Concetta Buttiglieri, il Dirigente del Servizio Politiche Giovanili del Comune di Melilli, Francesco Cannamela, il Presidente del Cif Concetta Pitruzzello, gli Alunni e i Docenti delle classi scolastiche coinvolte.

La Buttiglieri ha tenuto a sottolineare che il progetto Apq è stato inserito nei programmi di orientamento delle III medie di Melilli, assicurando che sarà cura del Dirigente Scolastico Fontana riferire del progetto agli Ispettori del Miur.

I ragazzi hanno riferito l’iter che hanno seguito in questi mesi, grazie al coordinamento dei Docenti Siringo e Cillepi, per la realizzazione dei loro progetti di riqualificazione, chiedendo all’Amministrazione di prendere in seria considerazione le loro proposte.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo