In tendenza

Melilli, sospensione servizi assistenza anziani: il Tar impugna l’ordinanza sindacale

Ternullo (FI): “Giustizia è fatta, in tempo di Covid non siano penalizzate le categorie più deboli”

Lo stop all’assistenza domiciliare agli anziani, specie in tempo di covid e di restrizioni dettate dalla zona rossa è chiaramente un atto illegittimo. Mi congratulo con il presidente e le socie lavoratrici della cooperativa Futura Iblea Onlus, che garantisce il servizio di assistenza, che si è rivolta al patrocinio legale dell’avvocato Claudio Lo Re, il quale ha depositato un immediato ricorso al Tar di Catania. Con tempestività sono stata informata della sospensiva accolta dal Tar. Giustizia è stata fatta: le operatrici della cooperativa sono tornati a garantire un fondamentale servizio per la cittadinanza”. Lo dichiara il deputato di Forza Italia all’Ars, on. Daniela Ternullo.

“Trovo però scandaloso che si sia dovuto arrivare a tanto – conclude la parlamentare – Perché l’Amministrazione comunale ha riservato tale trattamento inqualificabile per le categorie più sensibili? Senza l’assistenza domiciliare, come i nostri anziani più in difficoltà avrebbero potuto provvedere a loro stessi? Forse non sono meritevoli di attenzioni, tanto da emettere un’ordinanza – la n. 1 del 2021 – con la quale si era imposta la sospensione dei servizi di assistenza domiciliare? Lo invito ad argomentare i motivi della sua infelice decisione, fortunatamente sospesa dal Tar perché ritenuta contraria alla legge”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo