In tendenza

Moena Scala presidente del Consiglio comunale di Siracusa, Cafeo: “riconoscimento all’impegno delle donne nella politica siracusana”

Infine Cafeo si augura che superata l’impasse della scelta dei vertici, il Consiglio Comunale proceda al più presto alla costituzione delle commissioni e all’avvio effettivo dei lavori, viste le numerose questioni da affrontare

La seduta di Consiglio Comunale di ieri, lunedì 3 settembre ha espresso i vertici dell’assise che guideranno i lavori d’aula: colgo l’occasione per rivolgere a Moena Scala e a Michele Mangiafico i miei migliori auguri per il loro delicato e prestigioso incarico”. A parlare è l’On. Giovanni Cafeo, Segretario della III Commissione Ars Attività Produttive, commentando l’elezione avvenuta nella giornata di ieri da parte del Consiglio Comunale di Siracusa della Presidente Moena Scala e del vicepresidente Michele Mangiafico.

Inoltre il deputato regionale all’Ars saluta con soddisfazione l’elezione di una donna alla seconda carica cittadina, “un traguardo simbolico molto importante che al di là delle inevitabili conseguenze politiche, dà il giusto riconoscimento all’impegno delle donne nella politica siracusana”.

Infine Cafeo si augura che superata l’impasse della scelta dei vertici, il Consiglio Comunale proceda al più presto alla costituzione delle commissioni e all’avvio effettivo dei lavori, viste le numerose questioni da affrontare con urgenza come l’avvio e la gestione dei servizi essenziali quali gli asili nido, la refezione scolastica, l’igiene urbana e la viabilità cittadina.

Sulla nomina di Moena Scala e Michele Mangiafico interviene anche Francesco Ortisi, coordinatore del gruppo “Lealtà e condivisione”. L’associazione esprime il proprio compiacimento per l’elezione di Moena Scala ed a vice Presidente di Michele Mangiafico, entrambi appartenenti a schieramenti avversi alla sindacatura Italia, “ma la cui elezione – afferma Ortisi –  è stata resa possibile grazie al l’atteggiamento responsabile di gran parte dei consiglieri comunali, che ha anteposto l’interesse superiore della funzionalità del massimo consesso cittadino alla rigida difesa di logiche di appartenenza politica. E’ auspicabile, nell’interesse della città e dei numerosi problemi urgenti da affrontare  (igiene urbana, nuovo ospedale, trasporti, periferie) che si perseveri con questo atteggiamento costruttivo”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo