In tendenza

No Mensa: Munafò “Telefona” Al Dirigente Del CSA Giuseppe Italia

L’assessore alle Politiche Scolastiche, Giuseppe Munafò, ha inviato al Dirigente del CSA, Giuseppe Italia, una richiesta di chiarimenti in merito alla situazione venutasi a creare all’Istituto Raiti, dove i genitori degli oltre 200 bambini della scuola materna hanno segnalato al Comune il mancato avvio del servizio mensa.

Nonostante il pagamento dei buoni pasto – hanno scritto i genitori all’assessore Munafò- il servizio mensa non funziona atteso che delle unità del personale Ata messo a disposizione dal CSA solo due hanno dato la loro disponibilità. Chiaramente due unità – conclude la nota dei genitori – sono insufficienti alla corretta erogazione del servizio”.

“A seguito della segnalazione dei genitori- dichiara l’assessore Munafò- ho subito chiesto al dirigente scolastico dell’Istituto Raiti i dovuti chiarimenti sulla vicenda. Mi è stato detto che delle nove unità assegnate dal CSA, cinque percepiscono l’indennità erogata dal Comune, ma solo due sono disponibili a prestare il servizio mensa, mentre le altre chiedono l’estensione dell’indennità specifica a tutto il personale assegnato all’istituto.

Estensione non giustificabile, in quanto chiaramente in contrasto con quanto segnalato dal dirigente scolastico sulle unità in servizio: è evidente che la Pubblica Amministrazione non può pagare prestazioni non rese.
Atteso che la situazione venutasi a creare non è più tollerabile, si è suggerito di sostituire il personale in atto destinato all’Istituto Raiti con altre unità Ata qualora con queste unità non si riuscisse a trovare un’intesa.
In caso di esito negativo della trattativa, il Comune provvederà con altro personale ad effettuare il servizio”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo